Appena dopo lo Sblocca Italia l’ombra del titolo concessorio unico per Ombrina

Ombre gigantesche, 11 giorni dopo l’approvazione dello Sblocca Italia ( 23 settembre 2014), quando il progetto della piattaforma petrolifera Ombrina prendeva forza con la repentina richiesta del titolo concessorio unico, com’è possibile? Detto, fatto! È la risposta degli ambientalisti che, delle altre concessioni petrolifere in mare, annunciano la definizione a breve e vogliono vederci chiaro proprio per questo chiedono alle Regioni di bloccare i progetti.

Il rilancio petrolifero italiano è avvenuto con la chiara corresponsabilità degli ultimi governi nazionali, dalle definizioni lanciate dall’esecutivo Monti (vedi Strategia Energetica Nazionale), fino alle accelerazioni recenti impresse dalla coalizione governativa condotta da Matteo Renzi, tutti sensibili e profondamente attenti agli interessi delle lobbies petrolifere, nella inerzia, salve le recenti impugnative su Sblocca Italia e Disciplinare Tipo della Regione Abruzzo e di poche altre che potrebbero seguirla, delle istituzioni prossime ai territori, che hanno evidenziato tutta la loro incapacità e inadeguatezza rispetto alla gravità della situazione – anticipa la nota del coordinamento NO triv – Su Ombrina mare  la Rockhopper Exploration e i suoi sponsali non guardano in faccia a nessuno. Tirano dritto senza curarsi dei 30 mila di Pescara e dei 60 mila di Lanciano, di un popolo che non vuole scalpelli, fanghi di perforazione e impianti petroliferi né in mare né in terra – ma così facendo entro la fine anno Ombrina potrebbe essere realtà, proseguono gli ambientalisti – Il decreto del ministero dello sviluppo economico del 4 maggio 2015, pubblicato sul Buig del 31 maggio(Bollettino ufficiale degli idrocarburi e delle georisorse) a pagina 22, ha il sapore di un sonoro ceffone preso in pieno viso proprio dalla politica politicante: mentre, infatti, in Abruzzo e a Roma fioccavano conferenze stampa contro lo Sblocca Italia, la Medoilgas Italia spa chiedeva al ministero dello sviluppo economico la conversione del permesso di ricerca Ombrina mare nel nuovo titolo concessorio unico; e questo accadeva il 23 settembre 2014, appena 11 giorni dopo la pubblicazione del decreto Sblocca Italia. Questo comporterà che il procedimento attualmente in corso arriverà rapidamente a conclusione. Come spiegare, poi, il ritardo nella pubblicazione del decreto di compatibilità ambientale su Ombrina mare? Sembra quasi che si voglia impedire che si leggano le carte prima che i giochi siano definitivamente conclusi e che si possa agire in sede giurisdizionale ed evitare che magari si chieda al Tar la sospensiva del provvedimento, nella speranza che nel frattempo sopraggiunga il definitivo “titolo concessorio unico”. Adesso non c’è davvero più tempo da perdere. La casa brucia. I parlamentari abruzzesi la smettano di tergiversare giocando alla politica e chiedano subito al Governo un decreto che blocchi Ombrina. Subito. La Regione continui sì sulla linea di opposizione alla politica energetica del Governo nazionale, ma promuova, al tempo stesso e con ferma decisione, un intervento legislativo che vieti Ombrina. Altrettanto facciano le altre Regioni direttamente interessate da progetti petroliferi analoghi. La strada delle leggi regionali, il cui carattere è squisitamente “politico”, servirà per tenere impegnato il Governo – che ne chiederà ovviamente l’impugnazione dinanzi alla Corte costituzionale – e per guadagnare tempo prezioso. Occorre che nel frattempo la Regione Abruzzo si coordini subito con altre Regioni perché siano varate altrettante leggi regionali che blocchino tutti i progetti petroliferi “resuscitati” dal decreto sviluppo del 2012 affinché vi sia possibilità, nel frattempo, di deliberare e una richiesta di referendum abrogativo dell’art. 35 di quel decreto. La soluzione del referendum abrogativo è soluzione praticabile ed auspicabile. Non c’è davvero più tempo. È necessaria, ora, un’azione immediata, unitaria e condivisa che scongiuri definitivamente il progetto Rockhopper e tutti gli altri che verranno realizzati in mare”. mariatrozzi77@gmail.com

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.