Parco Gran Sasso. Ampliamento da 800 a 1600 metri della seggiovia Fontari, gli ambientalisti dicono No

Gran Sasso Report-age.com 2015 Pescara. Occorre cambiare politica per garantire davvero uno sviluppo sostenibile del territorio, è questo il messaggio delle associazioni per la tutela dell’ambiente che chiedono all’unisono di valorizzare la montagna, guardando al futuro e non al passato.

Il parere favorevole del direttivo Parco Gran Sasso monti della Laga alla costruzione della nuova seggiovia delle Fontari Campo Imperatore – osservatorio non va giù agli ambientalisti abruzzesi perché sarebbe basato su presupposti non veri. Si vorrebbe realizzare il progetto della nuova seggiovia nel cuore della Zona b (Riserva generale) dell’area protetta e ciò sarebbe in aperto contrasto con l’esito dell’istruttoria dello stesso Servizio scientifico del Parco, chiariscono le associazioni ambientaliste, nonché con le norme della Direttiva n. 92/43/Cee habitat e il relativo decreto del presidente della Repubblica n. 357 del 08/09/1997 di recepimento e attuazione. Italia nostra, Lipu, Mountain wilderness, Pro natura, Salviamo l’orso, Tci club di territorio di Pescara e Wwf ricordano come l’area di Campo Imperatore sia infatti “interamente compresa in due Siti tutelati dalla Rete Natura 2000, la Zona di Protezione Speciale IT7110128 e il Sito di Interesse Comunitario IT 7110202”.

Foto Maria Trozzi
Foto Maria Trozzi

Scrivono in un comunicato congiunto le associazioni: “La realizzazione di progetti che abbiano un’incidenza significativa su habitat e specie prioritarie di interesse comunitario può essere approvata soltanto per motivi imperativi di rilevante interesse pubblico e solo con il parere obbligatorio e vincolante della Commissione europea (in base all’art. 6 della direttiva Habitat e all’art. 5, comma 9, del dpr n. 357/1007). Il progetto è anche in contrasto con la Legge quadro sulle aree protette n. 394/1991, con il dpr 5 giugno 1995 con il quale è stato istituito il Parco e con lo stesso Piano del Parco, approvato con delibera dal Consiglio direttivo dell’Ente in data 21/12/1999 (adottata dalle Regioni Abruzzo, Lazio e Marche). L’argomentazione addotta nella deliberazione n. 31/15 del 29/05/2015 del consiglio direttivo del Parco, secondo la quale la nuova seggiovia Campo Imperatore-Osservatorio costituirebbe un intervento di mera sostituzione di quella delle Fontari, attualmente presente, non corrisponde alla realtà dei fatti. Il nuovo tracciato della seggiovia, infatti, sarebbe lungo quasi il doppio di quello esistente (da 800 metri a circa 1600 m), spostandosi oltretutto di circa 150 metri verso Nord. Le Associazioni chiedono dunque al Comitato regionale Via di respingere il progetto, in quanto totalmente incompatibile con il territorio del Parco Nazionale e in palese contrasto con le normative europee e nazionali. I membri del Cr Via devono sapere che, in caso di eventuale approvazione del progetto, si esporrebbero a possibili azioni legali e a sicuri ricorsi amministrativi e che la Commissione europea aprirebbe certamente una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia (con grave danno per tutti i cittadini, non solo abruzzesi). Come riportato nelle osservazioni agli Studi di impatto e incidenza ambientale inviati dalle associazioni al Comitato regionale Via, lo scorso anno e ora anche nell’istruttoria del Servizio scientifico del Parco stesso, l’eventuale realizzazione della nuova seggiovia distruggerebbe in modo irreparabile habitat prioritari di alta quota di interesse comunitario ricchissimi di biodiversità (in particolare quello denominato 6230* – Formazioni erbose di Nardo, come da ammissione degli stessi proponenti nelle recenti integrazioni allo Studio di incidenza ambientale) contravvenendo alla direttiva Habitat e alle relative leggi nazionali di recepimento. La stazione di partenza dell’Osservatorio e la parte iniziale della nuova Seggiovia sarebbero poi completamente sovrapposti alla Stazione di Ricerca a Lungo termine del Gran Sasso (gestita dal Corpo forestale dello Stato), confermando le preoccupazioni espresse proprio dalla Rete Nazionale Lter-Italia, che ha evidenziato “l’inevitabile impatto di tale opera sulle attività di ricerca a lungo termine svolte”, ricordando che le preziose e lunghe serie di dati accumulati in tale sito Lter (trent’anni di dati sulla vegetazione e dieci sugli uccelli) sarebbero irrimediabilmente compromesse da un’alterazione dell’ambiente circostante”.

Le associazioni ribadiscono che occorre cambiare subito politica per la montagna abruzzese: “È necessario abbandonare gli investimenti pesanti basati su un turismo invernale già in forte crisi e destinato ad ulteriori inevitabili ridimensionamenti a causa dei cambiamenti climatici (che sono una realtà in atto, non più soltanto una previsione). Bisogna invece scommettere sull’alternativa verde, basata su piccoli investimenti diffusi nel territorio a vantaggio di un turismo più moderno e di maggiore qualità, questo sì in crescita ovunque, basato sui valori naturali unici del cuore verde d’Europa. Attraverso la conversione in chiave ecologica dei complessi turistico-sciistici, l’attuazione di estesi interventi di risanamento e rinaturalizzazione del territorio e la realizzazione di mille micro-finanziamenti si potrebbe finalmente sviluppare un turismo indipendente dalla presenza di neve sulle piste, in grado di rivitalizzare l’economia dell’area in modo durevole, fornendo lavoro a decine di migliaia di persone per decenni e migliorando e non peggiorando la qualità del nostro preziosissimo patrimonio naturale. Occorre evitare la distruzione definitiva di ambienti preziosi e insostituibili nella vana speranza di scimmiottare le grandi località sciistiche delle Alpi e puntare invece sulla valorizzazione di quegli stessi ambienti perché il Gran Sasso diventi finalmente un punto di riferimento internazionale nell’ottica di una nuova visione della montagna, del turismo e dell’orgoglio di essere abruzzesi”. mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti 

Progetto seggiovia Fontari. Cialente Vs dipendenti Parco per l’istruttoria del Servizio scientifico 18.06.2015

Una risposta a "Parco Gran Sasso. Ampliamento da 800 a 1600 metri della seggiovia Fontari, gli ambientalisti dicono No"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.