Chieti. Festa universitaria, distrutte le attrezzature del Laboratorio: senza rilevamenti sismici per settimane

Chieti Campus 7.6.2015Chieti. E se si fosse chiamato diversamente, l’evento socio culturale organizzato all’Università Gabriele D’Annunzio di Chieti, avrebbe tanto sorpreso la distruzione delle apparecchiature del Laboratorio di vulcanologia del Campus? Non è tutto oro quello che luccica alla festa Campus beer & sound. La 3 giorni di divertimento degli studenti, sono state registrate circa 10 mila presenze, s’è chiusa col botto sabato notte e per il momento nessuno ne tratta. Non può passare sotto silenzio lo scempio, quindi Report-age.com non si tira indietro perché nella notte tra sabato e domenica, al Campus di via dei Vestini, sono state prese di mira le antenne della stazione protonica dell’università così è andato mezzo distrutto uno dei nodi fondamentali per registrare i terremoti dal Centro Italia. Qualche ubriaco, ma questo non giustifica, dopo il concerto della band tributo alla musica italiana ha fatto fuori alcune importanti attrezzature del Laboratorio di vulcanologia e Scuola SISMA, mandando in cortocircuito la stazione di rilevamento elettrotellurica che è parte della rete mondiale di rilevamenti sismici.

Incivili che per 2 settimane almeno hanno reso inutilizzabile il centro, il servizio di rilevamento è interrotto, mancheranno intere registrazioni e, nell’eventualità di scosse e terremoti, dal Centro Sud Italia non si potrà contare su questa importante stazione. Il danno è davvero incalcolabile per l’intera collettività perché mancheranno da quel punto i dati che descrivono lo storico di tutti i movimenti tellurici, ovunque si verifichino, considerati però da questa distanza, Chieti scalo. Qualche migliaia di euro il danno alle attrezzature, andate distrutte, senza considerare il lavoro necessario a ricostruirle perché ognuno di quei gingilli, gli oggettini del laboratorio, vengono modellati, plasmati e modulati dai tecnici e dagli studiosi del Centro a seconda delle esigenze e delle necessità del luogo. Dalla stazione protonica di Chieti scalo si osservano i movimenti che i protoni generano sul Pianeta Terra ed è così possibile prevedere i terremoti ma, per capire gli epicentri, è necessario costruire stazioni come questa, in tutto il mondo.

Campus via vestini Chieti università Report-age.com 2015
Figura 1 Segue il buio della ragione

Sulle devastazioni di sabato notte la cronaca è incisa nel grafico fornito dalle attrezzature prima che venissero massacrate. Le registrazioni sono una prova evidente dello scempio (figura  1). Si vede che alle ore 00.51 viene prima tirata giù l’antenna verticale, poi le orizzontali del centro e ancora fino all’ una e 15 minuti i vandali si accaniscono sulle parti elettroniche per distruggerle, finché il segnale non si spegne del tutto. Non ci sarebbero segnalazioni e denunce alle forze dell’ordine, per il momento, gli organizzatori del party sembra si siano scusati per i danni provocati al laboratorio di vulcanologia durante la festa. Fatto sta che per terra, in mezzo alle attrezzature distrutte, non mancavano  cocci di bottiglie rotte, tappi, mozziconi di sigarette.  mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti 

Antenne provvisorie al Laboratorio di vulcanologia: Cartellonistica nel Campus universitario per spiegare a cosa servono 14.07.2015

Antenne distrutte al Campus. Gli studenti di Azione universitaria aiuteranno a riparare l’impianto 16.06.2015

Approfondimenti 

Festa universitaria a Chieti. Non sapevano di distruggere le antenne del laboratorio. Stoppa: “Facciamo conoscere a tutti la scienza” 08.06.2015

3 risposte a "Chieti. Festa universitaria, distrutte le attrezzature del Laboratorio: senza rilevamenti sismici per settimane"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.