Punto nascita. Psi: “Invertire la logica di accentramento delle strutture”

Sulmona (Aq). Invertire la logica adottata dal ministero della sanità, questa la proposta del Partito socialista italiano, guardando così di buon occhio alla delocalizzazione delle strutture per le urgenze e all’accentramento dei servizi ad alta specializzazione. I tempi però sono vocesciati per le Asl, soprattutto abruzzesi, e sarebbe davvero tutto da rifare.

Sindaco di Sulmona su Punto nascita Comunicato 25.03.2015

Ospedale Sulmona Presidio manifestazione ore 11.15 Foto Maria Trozzi Report-age.com 16.3.2015
Ospedale Sulmona Presidio manifestazione Foto Trozzi

Sul Punto nascita dell’ospedale di Sulmona interviene il Partito socialista italiano che così scrive della riunione tenuta a palazzo san Francesco: “E’ stato ribadito che l’esigenza primaria e’ la sicurezza delle donne partorienti come si pretende in una società al passo con lo sviluppo tecnologico e scientifico, ove, una moderna revisione del sistema organizzativo, oltre alla sicurezza, comporta efficienza, risoluzione di sprechi e, alla fine, un notevole risparmio economico, utile per i necessari investimenti in strutture e attrezzature”.

Una analisi attenta della situazione demografica e dei flussi delle donne partorienti del comprensorio sulmonese (Istat 2013) vede che l’indice di natalità èmolto basso (5,9 per mille abitanti) con la nascita di soli 475 bambini che potrebbero essere invece ben oltre i 600 se l’indice di natalità fosse pari a quello provinciale dell’8 per mille abitanti. Così in una nota Luciano Fagagnini, responsabile sanità del psi Sulmona avanza una proposta: “Un confronto con altre realtà italiane “virtuose” ( Regione Veneto) rileva che la nostra situazione in termini demografici e di morfologia del territorio è strettamente paragonabile a quella della provincia di Belluno ove esistono ben 3 punti nascita ( in cittadine di 35 mila – 20 mila – 4 mila abitanti) a presidio di una popolazione di circa 70 mila abitanti come quella della ex Asl di Sulmona. I presupposti perché  il punto nascita di Sulmona abbia il diritto a non essere soppresso come invece previsto dal recente atto deliberativo regionale sembrano dunque ampiamente sufficienti.   Tuttavia la situazione reale e’ diversa e purtroppo molto grave.  L’analisi dei flussi delle partorienti (2014) vede che circa la metà di tali donne si rivolgono a strutture ospedaliere diverse da quella naturale di Sulmona, ove sono nati nel 2014 poco più di 200 bambini, troppo lontano dai 500 previsti dalla normativa da attuare entro 2 anni.  Le partorienti hanno spontaneamente scelto strutture, anche molto lontane extra regionali, ove fosse “garantita” tranquillità e sicurezza, non assicurata da quella di Sulmona e nemmeno da quella (L’Aquila) eventualmente prevista dalla riorganizzazione dei punti nascita, in tale evenienza si andrebbe di fatto ad una forzata deportazione solo di partorienti meno abbienti che non possono scegliere un ostetrico di fiducia. Al di la di ogni manifestazione pubblica in odore di populismo e demagogia, e’ inutile salvare il punto nascita di Sulmona se si lasciano le cose come stanno, non sarebbe garantito il diritto alla sicurezza dei cittadini. Tuttavia il punto nascita e’ strategico, non ha senso un ospedale senza un punto nascita. Per salvare il punto nascita di Sulmona e’ prioritario, essenziale, recuperare le partorienti migranti, recuperando in loro la fiducia nella struttura di Sulmona, attraverso un immediato processo riorganizzativo rapido, concreto anche drastico e coraggioso, che coinvolga tutti gli operatori del settore, dall’ausiliario, ai medici, al direttore generale, che comporti insieme i necessari adeguamenti strutturali in termini di logistica e di attrezzature. Solo in questo modo si recupera il numero di partorienti sufficienti a garantire un minimo di sicurezza nel nostro presidio ospedaliero, anche per quelle meno abbienti che con coraggio hanno scelto Sulmona. Il processo riorganizzativo e di investimento deve riguardare non solo il reparto di ginecologia ma tutto l’ospedale in particolare nei suoi punti critici prima che questi alla fine muoiano per consunzione o semplicemente per aver raggiunto il punto critico di inefficienza o pericolosità. Si tratta di aprire una vera e propria vertenza sanità con la Regione nella quale pretendere una chiara e concreta definizione del futuro dell’ospedale di Sulmona, pretendere che si realizzi in esso una struttura specialistica di eccellenza di dimensione sovrazonale a servizio non solo della Asl, ma anche sia di attrattiva per tutta la popolazione regionale e nel contempo sia di stimolo per tutto l’ospedale a mantenere e migliorare tutte le professionalità esistenti altrimenti destinate ad un lento, inesorabile declino. Invertire la logica di accentramento delle strutture, valida per le emergenze-urgenze, e delocalizzare in strutture periferiche servizi di alta specializzazione significa garantire lo sviluppo economico e sociale delle zone meno popolose votate, invece, al progressivo impoverimento”. mariatrozzi77@gmail.com

Comunicato stampa

Palazzo san Francesco Sulmona (Aq)

<“La decisione del Consiglio regionale di non affrontare la discussione sulla vicenda dei punti nascita che tante preoccupazioni sta suscitando sul nostro territorio perche nega a cittadini della stessa regione di avvalersi degli stessi diritti e degli stessi servizi, e di una gravita tale che non trova precedenti nella storia dell’Assemblea abruzzese”. Lo ha detto ii sindaco di Sulmona Giuseppe Ranalli a margine della seduta del Consiglio regionale che era stata a L’Aquila. ” E’ singolare poi che l’applicazione puntuale del regolamento si invoca in presenza di un problema che migliaia di persone stanno vivendo con ansia. Valuteremo già nelle prossime ore il significato di questo comportamento e le iniziative successive da assumere. Di certo però non possiamo indietreggiare di un solo millimetro e siamo convinti di potercela fare. Lo dimostra anche la tanta solidarietà che la città sta trovando a palazzo dell’Emiciclo fra tutti i consiglieri regionali, segno evidente della giustezza della nostra lotta”.

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.