Una Risoluzione regionale impegna per la regolarità dell’elettrodotto Villanova-Gissi

No Terna Foto Maria Trozzi Report-age.com 2015
Foto Maria Trozzi

Pescara. In tutti i cantieri, aperti la scorsa estate da Terna spa, per costruire l’elettrodotto Villanova – Gissi si dovrà accertare, anche per i lavori svolti, che siano rispettate le prescrizioni e che le autorizzazioni al progetto siano state rilasciate legittimamente. Tutta la documentazione sarà resa pubblica e accessibile nel sito della Regione e sarà compito dell’ente territoriale segnalare che nei progetti approvati, con Valutazione di impatto ambientale, la sostituzione in corso d’opera dei sostegni a traliccio con i monostelo, richiede un altro procedimento di Via. Ce n’è anche per la Turbogas di Gissi (Ch)

No Terna Foto Maria Trozzi Report-age.com 2015
Foto Maria Trozzi

Una sfilza di riscontri attende di essere soddisfatta dalla giunta regionale che si è impegnata, è importate, per far ridiscutere l’investimento Terna al ministero sulla base della riduzione consistente dei consumi elettrici registrata, in questi ultimi anni, grazie anche alle energie rinnovabili. A questo proposito è dunque indispensabile chiarire, con una relazione tecnica, se la potenza impiantistica attualmente installata in Abruzzo sia sufficiente a coprire il fabbisogno elettrico regionale, dai dati generali sembra scontato, ma non si sa mai. L’esecutivo regionale garantirà anche la redazione di un documento sulle criticità segnalate e sulle eventuali gravi inadempienze di Terna. Soprattutto la regione medierà con la società affinché ritiri le querele contro i manifestanti che nei presidi si sono opposti pacificamente all’occupazione dei terreni fatta, nei 16 comuni, dalle squadre lavoro del gestore unico della rete.

Verifiche e riesami dunque sui lavori e sui provvedimenti relativi all’elettrodotto Villanova-Gissi, sono davvero innumerevoli gli impegni che con una Risoluzione l’assise regionale si è assunta su richiesta dei consiglieri regionali del Movimento 5 stelle Sara Marcozzi, Pietro Smargiassi, Domenico Zaccardi Pettinari, Riccardo Mercante, Gianluca Ranieri Paolo Gatti (Fi), Fiorentino Olivieri (Abruzzo civico) che in aula, lo scorso 24 febbraio, hanno presentato un consistente documento parte integrante della Risoluzione approvata, quel martedì, dal consiglio regionale riunito in seduta straordinaria. Nello specifico la giunta D’Alfonso dovrà verificare:

  1. il rispetto delle prescrizioni presso tutte le aree di cantiere attualmente aperte;
  2. se i lavori svolti finora siano stati realizzati nel rispetto delle prescrizioni;
  3. se tutte le ulteriori autorizzazioni necessarie, oltre la Via (a mero titolo di esempio: autorizzazioni idrauliche e sul rischio idrogeologico, anche, tra l’altro, sul sostegno 18N; autorizzazione per i lavori nei siti da bonificare; modifiche progettuali ecc.) siano state rilasciate legittimamente;
  4. a verificare il rispetto delle norme relative alle rocce e terre da scavo;
  5. a verificare se siano stati concordati con i vari enti ed uffici competenti tutti i documenti progettuali richiesti (a mero titolo di esempio, lo studio faunistico di dettaglio da concordare con l’Ufficio Parchi della Regione Abruzzo ecc.);
  6. a verificare presso tutti gli enti competenti il deposito/pubblicazione degli atti (1° deposito per la Via del 2010 presso i Comuni; 2° deposito per la Via del 2011 presso i comuni; pubblicazioni sull’albo pretorio dell’avviso completo e di tutti i relativi allegati per le procedure di esproprio/occupazione d’urgenza);
  7. a riesaminare il provvedimento ministeriale di compatibilità ambientale Dva_Dec-2011-0000510 del 13 settembre 2011 e il Decreto interministeriale di autorizzazione dell’opera n. 239/EL-195/180/2013 del 15 gennaio 2013;
  8. a demandare all’Arta la redazione di una dettagliata relazione sulla fase di cantierizzazione avvenuta tra maggio 2014 e gennaio 2015, anche sulla base delle innumerevoli segnalazioni documentate con video e foto pervenute dai cittadini;
  9. a verificare se l’autorizzazione per il vincolo idrogeologico di competenza regionale è stata concessa legittimamente o si è trattato di un’usurpazione delle potestà regionali;
  10.  a inviare ai ministeri e a Terna, contraente dell’accordo con la Regione del 2007, copia della Dgr n.794 del 05/12/2014 avente ad oggetto la revoca della determina direttoriale;
  11.  a chiedere al Ministero di riconsiderare l’intervento di TERNA valutando ogni iniziativa di competenza compresa l’eventuale riattivazione della VAS anche sulla base dell’esame del documento allegato e sulla diversa evoluzione dei consumi elettrici;
  12. a verificare in ogni sede l’utilizzo eventualmente improprio nelle sue VAS 2008-2009 della determina direttoriale DN/130 del 19/11/2008 in considerazione che la stessa Società Terna Spa, nel verbale allegato alla determina direttoriale in oggetto, sottoscritta e firmata da Terna Spa, riconosceva la necessità di una delibera di Giunta regionale per validare i criteri;
  13. a valutare la legittimità della seconda determina Sorgi, la DnN32 del 20/03/2009, che pare anch’essa non essere stata pubblicata sul Bura, con cui si approva il corridoio ottimale Villanova – Gissi – Foggia;
  14.  a produrre osservazioni tecniche alla procedura di Via in corso presso il Ministero sul proseguimento dell’elettrodotto verso sud “Gissi – Foggia”;
  15. a supportare, per mezzo dell’Avvocatura regionale, i Comuni che hanno rescisso le convenzioni stipulate da Terna Spa sulla base di atti regionali come le determine direttoriali citate che parevano obbligare i Comuni ad accettare un tracciato, quando gli accordi della Regione con Terna prevedevano una interlocuzione preventiva con gli stessi, mai avvenuta;
  16. a chiedere al ministero dell’ambiente informazioni e un report sull’ottemperanza alle prescrizioni della Via relativa alla Centrale Turbogas di Gissi;
  17. a segnalare, ai fini della 2014/52/Ue che non si applica ai progetti la cui Valutazione di impatto ambientale sia già stata approvata, la sostituzione in corso d’opera, e a quanto risulta, senza nuovo passaggio di procedimento di Via, la scelta di sostituire i sostegni a traliccio semitrasparenti con sostegni monostelo opachi;
  18. a dare indirizzo agli uffici regionali di verificare se le prescrizioni che il ministero, nel decreto di Via dell’elettrodotto Villanova – Gissi, ha assegnato alla competenza regionale siano state soddisfate e se, quando, pubblicando sul sito istituzionale della Regione tutta la documentazione intercorsa con Terna;
  19. a chiedere agli uffici regionali competenti di chiarire con una relazione tecnica se la potenza impiantistica attualmente installata in Abruzzo è sufficiente per coprire il fabbisogno elettrico, tenendo conto che nel 2009 (dati Terna) l’Abruzzo ha avuto un surplus e che nel frattempo sono aumentati gli impianti e sono diminuiti i consumi;
  20. a chiedere al ministero di ridiscutere l’investimento di Terna sulla base delle novità e, soprattutto, sulla diversa evoluzione dei consumi elettrici;
  21. a segnalare, attraverso la redazione di un documento riassuntivo, le numerose criticità e le eventuali inosservanze gravi al fine di valutare e quindi proporre il superamento dell’intero procedimento;
  22. a impegnare la Regione ad adoperarsi affinché Terna ritiri le querele contro i cittadini.

mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti

Elettrodotto. Febbo”Bloccare i lavori del tratto Gissi-Larino” 22.09.2015

La Regione può far sospendere i contestati lavori dell’elettrodotto, intanto che decide l’opera è finita 21.09.2015

Approfondimenti

Elettrodotto. dalla Sicilia all’Abruzzo, tanti problemi. A Chieti: “Cantiere non in sicurezza” scrive il perito 12.03.2015

Tutto sull’elettrodotto Villanova Gissi

4 risposte a "Una Risoluzione regionale impegna per la regolarità dell’elettrodotto Villanova-Gissi"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.