Incendio alla ex Lastra. Vigili del fuoco sul posto fino alle 3 di notte

Discarica pneumatici area industriale Pratola Peligna (Aq)Sulmona(Aq). Sono ancora tutte da chiarire le cause dell’incendio che si è sviluppato in serata nell’ex stabilimento Lastra, dal 2007 Italfinish, azienda che tratta materiale in alluminio, fallita a novembre 2011. Sembra che nel capannone, dell’area industriale di Sulmona, abbia preso fuoco del materiale di plastica all’interno dell’immobile, prima del rogo cioè nel pomeriggio, una squadra lavori stava procedendo alle operazioni di smantellamento di una vecchia e obsoleta linea di produzione dell’azienda bergamasca .  

Aggiornamento

(Ore 22.30 del 09.03.2015Sono sul posto 2 squadre dei vigili del fuoco di Sulmona e L’Aquila che procedono alle operazioni di spegnimento e alla messa in sicurezza del sito, da quasi 2 ore, tenendo sotto controllo, per quanto possibile, le fiamme che si sarebbero sprigionate dal materiale plastico lasciato in azienda, le lingue di fuoco hanno raggiunto il tetto in eternit coibentato che in parte è crollato. Si è rischiato il disastro perchè, a quanto sembra, a poca distanza dal materiale che ha preso fuoco erano state accantonate una ventina di bombole di gas. Sul posto è giunto anche il sindaco di Sulmona, Giuseppe Ranalli, che ha voluto sincerarsi della situazione, è operativo anche il personale della Protezione civile della valle Peligna. Si sposta verso Roccacasale (Aq) il fumo, la colonna è visibile anche a qualche chilometro di distanza, dalla direzione del punto vendita Il globo che non è stato in alcun modo compromesso dalle fiamme, nei pressi della rotonda dell’area industriale. L’incendio è divampato prima delle ore 20.30 e non è stato ancora completamene domato. Il rogo comunque non sembra preoccupare e fortunatamente non ci sono feriti. Dopo le 19 nello stabilimento non c’era più nessuno, a quanto sembra. Sino alle 18, di questo pomeriggio, alcuni operai erano a lavoro nello stabilimento per smontare una inutile linea di produzione dell’azienda che si era sostituita alla Lastra che per l’Agfa decenni fa produceva lastre analogiche positive per stampa offset. Si stanno accertando le cause dell’incendio, molti elementi escluderebbero la natura dolosa.

Aggiornamento del 10 marzo. I vigili del fuoco di L’Aquila e Sulmona hanno domato completamente l’incendio alle ore 3 e messo in sicurezza il sito. Non essendo stata trovata alcuna altra fonte di innesco, l’ipotesi più probabile è che sia stato un mozzicone di sigarette a provocare l’incendio. Questa mattina si sono ravvivati alcuni focolai, immediato l’intervento dei pompieri. Lo stabilimento doveva essere venduto all’asta, ma con il soffitto mezzo distrutto e i locali incendiati ora sarà davvero difficile riuscire a venderlo. Il tetto inoltre è stato realizzato con amianto, coibentato. L’italfinish è un’azienda fallita ormai da 4 anni, difficile che si possano trovare i fondi per bonificare.   

mariatrozzi77@gmail.com

Incendi

Incendi pneumatici di luglio. La Regione revoca l’autorizzazione all’Adria Abruzzo 19.02.2015

Incendi Adria: le scottanti rivelazioni della relazione Arta sui roghi di luglio 11.08.2015

Storia Italfinish

La storia Italfinish comincia nel 1967 come Oab (Ossidazione Anodica Bergamasca). Nel corso di questi 40’anni la società ha sempre operato nel settore delle finiture dell’alluminio.In abruzzo si conterebbero almeno 2 stabilimenti riferiti all’azienda bergamascache tratta l’alluminio, a Capestrano e a Sulmona, nell’aquilano.
La Divisione alluminio di Italfinish può vantare una lunga esperienza sulle quali basare i propri prodotti e servizi. I laminati di alluminio Italfinish, denominato Oxiwall, vengono prodotti attualmente presso lo stabilimento di Capestrano nella provincia dell’Aquila dove sono installate  due linee di ossidazione anodica una per coils e una linea  per lamiere. Nel 2012 le linee produttive sono state incorporate dalla società United anodisers.
Divisione magnesio. Italfinish  sarebbe in grado di offrire una vasta gamma di finiture per pezzi in magnesio siano essi estrusi o presso-fusioni. Grazie all’attività del reparto Ricerca & Sviluppo abbiamo brevettato un processo di anodizzazione per magnesio (e altri metalli non ferrosi quali alluminio e titanio). Il magnesio è più leggero dell’alluminio (circa 1/3 in meno) pur avendone, essenzialmente, le stesse proprietà meccaniche, può sostituire l’alluminio in molti manufatti ad uso meccanico anche raffinato, può sostituire la plastica nei gusci di macchine fotografiche, PC ed oggetti elettronici di pregio, il suo prezzo, come articolo finito è inferiore a quello di qualsiasi plastica “caricata” avendone proprietà meccaniche nettamente superiori ( es. resistenza all’urto), le imprese che producono presso-fusi di alluminio possono passare, utilizzando le stesse macchine (e, quindi, senza necessità di investimenti) a produrre gli stessi manufatti in lega di magnesio.
Perché  la Divisione magnesio. Negli ultimi anni la Cina è diventata il primo produttore mondiale di magnesio ma la crescita della produzione della materia prima non è stata accompagnata da un parallelo sviluppo del mercato delle finiture delle superfici.  Italfinish è direttamente presente sul mercato cinese con una società di commercializzazione denominata Italfinish HK Ltd; grazie all’attività di quest’ultima è stato possibile penetrare commercialmente il mercato cinese e sviluppare importanti contatti nel mondo delle finiture dei metalli leggeri. Con queste premesse, partendo dalle conoscenze di elettrochimica applicate all’alluminio e studiando i processi  esistenti, Italfinish è arrivata, dopo tre anni di sperimentazione, a mettere a punto una tecnologia a basso costo per applicazioni con alti numeri e basso valore aggiunto nei settori dell’automotive (parti componenti di automobili e motocicli), della attrezzeria (tooling) e dell’elettronica di largo consumo (telefonini, computer etc…).
La Divisione Ingegneria nasce dalla necessità di sviluppare a livello impiantistico nuove soluzioni a supporto delle proprie linee di produzione ed è oggi presente sul mercato per il desiderio di offrire un prodotto che risponda alle reali aspettative del committente; pertanto è in grado di proporre installazioni personalizzate chiavi in mano nel settore degli impianti di trattamento superficiale dei metalli ferrosi e non. A questa divisione rientra la controllata svizzera Laminix sa, tramite la quale Italfinish costruisce impianti di verniciatura e sviluppa apparecchiature di verniciatura con polveri e sistemi di gestione e recupero vernici. Fonte
Aggiornamenti

2 risposte a "Incendio alla ex Lastra. Vigili del fuoco sul posto fino alle 3 di notte"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.