Skip to content

Mazzocca a Mutignano (Te): “Stop a nuovi gasdotti e alla centrale Snam di Sulmona”

Pineto (Te). “La Regione chiederà al ministero dello sviluppo economico di bloccare la realizzazione di nuovi gasdotti” così in contrada colle Cretone, comune di Pineto (Te), l’assessore regionale all’ambiente Mario Mazzocca assicura che la Regione non si fermerà più al diniego dell’Intesa, ma chiederà con forza uno stop soprattutto alla realizzazione del metanodotto Rete adriatica, per il procedimento in corso sul segmento Sulmona – Foligno e sulla centrale di spinta del gas naturale da realizzare a Sulmona (Aq). Nel sopralluogo mattutino, oggi nella frazione Mutignano, con l’assessore sono sul posto dell’esplosione della condotta avvenuta 2 giorni fa, la consigliera comunale di Pineto Marta Illuminati, il sindaco Roberto Verrocchio, il vice-presidente regionale Anpas (Associazione nazionale pubbliche assistenze), Biagio Castagna e Tommaso Di Febo, coordinatore regionale di Sinistra ecologia e libertà. 

Aggiornamento

Metanodotto esploso a Mutignano Report-age.com 2015L’assessore regionale Mazzocca, con delega anche alla Protezione civile, ha annunciato che domani chiederà al Mise il blocco per le autorizzazioni per la realizzazione del metanodotto Sulmona – Foligno e per la centrale di compressione del gas di Case Pente, all’ingresso del Parco nazionale della Maiella – in area a massimo rischio sismico – a Sud di Sulmona. La Regione pretenderà da Snam il Piano di manutenzione di tutti gli impianti esistenti e una verifica accurata delle infrastrutture realizzate sui territori a rischio sismico. L’ente regionale chiederà di sospendere: “Ogni tipo di ulteriore autorizzazione fino a che non siano verificate le situazioni, verifiche da estendere su tutto il territorio – dichiara Mazzocca – Credo che uno stop immediato vada subito dato. Chiediamo questo con forza e non ci fermeremo più al diniego dell’Intesa sia sul metanodotto Sulmona-Foligno che sulla centrale Snam di Sulmona”. Il sottosegretario alla presidenza del consiglio regionale, Camillo D’Alessandro, ha annunciato che la Regione sta valutando azioni legali nei confronti di Snam Rete gas ed Enel, mentre il comune di Pineto potrebbe costituirsi parte civile nell’eventuale procedimento giudiziario a carico della società.

Sarebbero ancora tutte da accertare le cause dell’eplosione, nella frazione di Pineto, del metanodotto che da Cellino Attanasio (Te) trasporta il gas naturale a Bussi (Pe) avvenuta il 6 marzo e nella quale sono rimaste ferite 11 persone – una è grave – con abitazioni danneggiate, alcune edifici evacuati e centinaia di migliaia di euro di danni. Questa mattina sul posto, per verificare la situazione e organizzare gli interventi, c’era l’assessore Mazzocca. Nelle immagini i 10 metri di condotta sventrata dall’esplosione.  

Aggiornamenti

Legge sulla localizzazione di centrali e gasdotti. Di Plinio: ‘Vero sbarramento per realizzare metanodotti’  09.06.2015

Archivio

Esplosione gasdotto. Snam: colpa degli abruzzesi. Multinazionali offensive puntano il dito 07.03.2015

Ad un passo dal metanodotto Sulmona-Foligno. Retroscena della Rete adriatica, opera “strategica” 02.03.2015

07.03.2015  Mazzocca: inspiegabile doppio black out dell’Enel, prima sull’energia e poi sulla comunicazione

“Prendiamo atto dell’impegno profuso dall’Enel ma alle ore 19 di venerdì 6 marzo siamo costretti a constatare che – secondo i dati forniti dall’azienda stessa – le utenze disalimentate sono ancora circa 80 mila, ossia 26 mila nel teramano, 24 mila nel pescarese, 23 mila nel teatino e 7 mila nell’aquilano. Soprattutto, colpisce che il termine dato dall’azienda per il completo ritorno alla normalità “entro la giornata di sabato 7 marzo” oltre che essere estremamente vago, farebbe lievitare il numero dei giorni senza corrente elettrica, in alcuni centri, ad oltre 48 ore. Ciò non è accettabile in un Paese normale” dichiara l’assessore regionale all’ambiente.

Aggiornamenti

Firma e Ferma i mega-elettrodotti. Petizione per la partecipazione dei cittadini 03.04.2015

Il tubo esploso a Mutignano è metà di quello del gasdotto Sulmona-Foligno. Ambientalisti:“Fermate l’opera” 09.03.2015

5 Comments »

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: