Scuole abruzzesi “scuole belle” e crollano le balle del governo Renzi

Scuola Report-age.com 2015Pescara. Due ragazzi feriti nell’istituto alberghiero De Cecco di Pescara, a causa del crollo di alcuni calcinacci dall’alto. Una caldaia che esplode pochi minuti prima dell’ingresso degli studenti nella scuola Benedetto Croce di Villa Santa Maria. Insomma, la grave tragedia di San Giuliano (Cb – Molise) è purtroppo dimenticata. La morte di 27 bambini e una insegnate, il 31 ottobre 2002, per il crollo di un edificio non a norma non è servita a cambiare le cose. La storia insegna, ma davvero questo Paese non ha alcuna voglia di imparare, ma tanta per sciorinare slogan e ripeterli sino allo sfinimento, a pappagallo nei programmi televisivi, la pappardella renziana dei servizi giornalistici “Piano scuole belle”, ma la maestra un tempo insegnava che è bello un volto, un uomo, non un edificio.
Istituti evacuati e su questi episodi sconcertanti intervengono i deputati del Movimento 5 stelle, Gianluca Vacca, Andrea Coletti e Daniele Del Grosso che così scrivono in una nota: “I luoghi che dovrebbero custodire, e formare i nostri figli diventano ancora teatro di crolli ed esplosioni. Il fatto che non ci siano stati feriti gravi o, peggio ancora, decessi è frutto solo della casualità, perché la situazione delle nostre scuole è ancora drammatica. Lo certifica il solito report di Cittadinanzattiva. 
Report di Cittadinanzattiva: “Lo stato di sicurezza di tante scuole nel nostro Paese è grave: edifici su 10 hanno una manutenzione carente, oltre il 70% presenta lesioni strutturali, in un caso su 3 gli interventi strutturali non vengono effettuati, più della metà delle scuole si trova in zona a rischio sismico e 1 su 4 in zona a rischio idrogeologico”.
Prosegue la nota dei parlamentari pentastellati: “Insieme ai soffitti crollano dunque anche le bugie del governo Renzi: il premier un anno fa aveva promesso di risolvere il problema con ben 3,5 miliardi di euro. Peccato invece che di quei soldi se ne siano visti ben pochi, essendosi Renzi limitato a sbandierare soldi già stanziati dai governi precedenti e aggiungere poche briciole per dare un’imbiancata alle scuole con il Piano scuole belle.  Gli unici fondi che aumentano sono quelli chiesti, talvolta in maniera coattiva, alle famiglie. Non c’è nessuna traccia di un serio piano, anche d’investimenti, per rendere le scuole italiane sicure e magari funzionali.
La verità è dunque che il governo Renzi continua la politica dei tagli dei governi precedenti, così come certificato nella recente legge di stabilità: la buona scuola è una grande operazione mediatica, un gigantesco spot che probabilmente aggraverà i problemi della scuola italiana. Il Movimento 5 stelle, anche con i deputati della commissione cultura e istruzione di cui fa parte Gianluca Vacca, dall’inizio della legislatura ha posto il problema con una mozione presentata nei primi mesi e bocciata dalla maggioranza, con vari emendamenti e con una proposta di legge specifica sull’edilizia scolastica che prevede lo stanziamento di 600 milioni circa annuali, per sempre e strutturali, e una programmazione triennale. Da 2 anni il M5S chiede una reale inversione di rotta nel comparto istruzione, con proposte concrete e coperte finanziariamente. Ma il governo Renzi, come i governi precedenti, continua a preferire i finanziamenti agli F35 e alle missioni militari, gli sconti alle concessionarie di slot machine invece d’investire nella sicurezza delle nostre scuole. Questione di priorità”. mariatrozzi77@gmail.com
Aggiornamenti

2 risposte a "Scuole abruzzesi “scuole belle” e crollano le balle del governo Renzi"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.