Un parto difficile: lettera mai pubblicata della mamma grata al Punto nascite

Sulmona (Aq). La lettera è stata inviata il 16 settembre di quest’anno per ringraziare quanti, nell’ospedale di Sulmona, hanno seguito passo passo la gravidanza di una giovane mamma in attesa di 2 gemelli. La missiva è stata indirizzata al nosocomio peligno e al Tribunale per i diritti del malato per ringraziare il personale medico sanitario operativo nei reparti di Sulmona, per affermare una volta ancora la professionalità di medici e infermieri, nessuno però ne ha fatto parola ai giornalisti.

Io Aspetto Foto Maria Trozzi Report-age.com 2014
Io Aspetto Foto Fantacci -Trozzi

Il testo, breve ma intenso, è stato scritto dalla mamma protagonista di questa storia a lieto fine. La signora, originaria di Sulmona, ha reso così onore e merito a quanti si sono adoperati al Santissima Annunziata durante l’attesa dei gemelli, per il parto e per il periodo di accompagnamento alla nascita garantito, anche oggi, nell’ospedale civile peligno che segue la mamma, grazie a degli esperti,  anche dopo aver messo alla luce i piccoli, in questo caso si trattava di Massimo e Beatrice. Con serenità la signora ha affrontato questa particolare esperienza di vita. Tra emozioni, speranze, insicurezze e tanto coraggio la mamma ha lanciato un messaggio a tutti coloro che intendono mettere fine al Punto nascite della Valle Peligna e che dovrebbero riflettere davvero, senza strumentalizzare politicamente la questione della chiusura, sulla situazione che si andrebbe a creare per le quasi 400 donne dell’entroterra abruzzese in attesa di figli, soprattutto se i piccoli decidono di nascere durante il lungo inverno della valle (vedi foto). Come tutte le mamme del Mondo, le nostre potrebbero avere delle complicazioni, come tutti i figli di questa Terra anche i nostri piccoli e futuri abruzzesi rappresentano la speranza, la rinascita del Centro Abruzzo, in particolar modo. I reparti di Ginecologia, Ostetricia e Pediatria di Sulmona vanno rafforzati e dotati di strutture funzionanti, di personale sanitario, di medici e di primari, soprattutto del posto, per far tornare le mamme dell’entroterra a partorire tranquillamente in valle Peligna, a Sulmona, senza paura.

Report-age.com ha recuperato il testo della lettera della mamma dei gemelli, in esclusiva ne pubblica il contenuto anche per rivelare cosa accade quando un parto è più complicato del previsto e a quali singolari consigli, non sempre interessati, sono soggette le future mamme di questo territorio, soprattutto per indirizzarle a partorire altrove.

mariatrozzi77@gmail.com

Lettera di una madre che partorì i 2 gemelli al Santissima Annunziata di Sulmona Report-age.com 2014

Lettera di una madre che partorì i 2 gemelli al Santissima Annunziata di Sulmona Report-age.com 2014  #luogodinascita

Quando la battaglia per il bene comune è condivisa e sostenuta, a prescindere dal credo politico e dagli interessi personali, allora tutto è possibile. Sul nostro amore si abbattono raffiche di vento, pioggia e bufera, ma questa è la vita e dobbiamo difenderla. mtrozzi

Aggiornamenti 

Punti nascita chiusi. Consolo della Regione a giochi fatti: tavolo tecnico e incontro col ministro Lorenzin  05.03.2015

Punto nascite. Pd Pratola scrive ai vertici: “Avrete a cuore il territorio?”  18.12.2014

Parto d’urgenza a Sulmona per l’Ultimo Nato 09.12.2014

Prima pietra per il nuovo ospedale col manager Silveri un atto di civiltà 11.12.2014

3 risposte a "Un parto difficile: lettera mai pubblicata della mamma grata al Punto nascite"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.