Ecco la lettera che conferma la chiusura delle Guardie Mediche

L’Aquila. Altro che notizia infondata o non ufficiale, come riferiva qualcuno* per tranquillizzare la comunità già pronta a riconsegnare i certificati elettorali. In anteprima pubblichiamo la prova di quanto scrivevamo, la lettera datata 18 novembre 2014  con la quale il direttore Asl 1 Giancarlo Silveri informa della chiusura della Continuità assistenziale, indirizzata anche ai sindaci delle località in cui sta per essere soppresso il servizio aziendale.

*Il qualcuno tiene a precisare “quella mia affermazione è stata resa il 19 Novembre scorso cioè prima che la notizia della chiusura della sede di C.A. (Continuità assistenziale ndr) diventasse ufficiale agli atti del Comune”.

Lettera della Asl del 18 novembre 2014 Report-age.com 2014
Lettera della Asl del 18 novembre 2014

E’ partito il countdown4 giorni alla chiusura dei presidi sanitari, resteranno così privi di Guardia medica, dal 1 dicembre 2014, ben 20 comuni tra questi non manca purtroppo Campo di Giove (comprende anche il il paese di Cansano), Barisciano (comprendente le località di Calascio, Caporciano, Carapelle Calvisio, Castel del Monte, Castel Vecchio Calvisio, Poggio Picenze, San Pio delle Camere e Santo Stefano di Sessanio), Pizzoli (comprendente i comuni di Barete e Cagnano Aterno), Gioia de’ Marsi (comprendente le località di Lecce dei Marsi, Ortucchio, Bisegna) e Ovindoli.

Lettera Asl (pag. 2) chiusura Guardie Mediche Report-age.com 2014
Lettera Asl (pag. 2) chiusura Guardie Mediche

Campo di Giove manifestazione 25.11.2014 Report-age.com 2014Oltre alla solita promessa dell’auto ambulanza ancora fantasma, che da Sulmona dovrebbe salire a Campo di Giove, tutti i giorni, dalle ore 20 alle 8 del giorno successivo, solo per trattare le emergenze, il Comitato pro guardia medica della località turistica e montana annuncia che è riuscito a strappare, durante la manifestazione di ieri all’Emiciclo, solo un Tavolo tecnico cui parteciperanno l’amministrazione  comunale, una rappresentanza del comitato,  il direttore della Asl Silveri ed un rappresentante  della Regione. L’incontro dovrebbe avvenire entro 2 giorni. “Vediamo cosa succede in questi giorni, noi non ci arrediamo ed andiamo avanti con qualcosa di più grande” annunciano quelli del Comitato che difende il diritto alla salute delle comunità montane.

File in Lettera pag. 1 (qui)  pag. 2 (qui)

Aggiornamenti

Aumentano gli interventi del 118 non sempre Codici rossi 04.03.2015

Approfondimenti

Guardia medica a Campo di Giove: si combatte sino all’ultimo respiro 25.11.2014

Guardia medica: è arrivata la macchina fantasma medicalizzata 23.11.2014

Guardi medica. Il sindaco Di Mascio: “Infondata o non ufficiale la notizia sulla chiusura“ 20.11.2014

Chiude la Guardia Medica, ma non ditelo a Campo di Giove 19.11.2014

Guardie mediche: restano attive Campo di Giove, Gioia dei Marsi e Pizzoli 4 aprile 2014
Un enorme sospiro di sollievo. E’ stata confermata la sospensione della chiusura dei presidi di Continuità assistenziale per Campo di Giove, Gioia dei Marsi e Pizzoli, in provincia di L’Aquila. I presidi sanitari sono salvi, ma occorre levarli per sempre dalle grinfie di chi deve tagliare a tutti i costi e senza tener conto dei principi fondamentali, del diritto alla salute dei cittadini anche se residenti negli angoli più sperduti del pianeta Italia. A dare la buona notizia, nel suo blog, è il Vice Presidente del Consiglio regionale Giovanni D’Amico. Politico sensibile alle problematiche dei territori, D’Amico da tempo è impegnato a trovare soluzioni concrete per evitare la chiusura del servizio di Continuità assistenziale nelle località montane isolate e non affida nulla al caso nè alla persuasione delle parole. Fatti:  “Facendo seguito all’ incontro del 27 marzo,  richiesto ed ottenuto con  Giuseppe Zuccatelli, sub Commissario di Governo per il Piano di Rientro e con Giancarlo Silveri, Direttore della Asl della Provincia dell’Aquila, è stata confermata la sospensione delle chiusura del Presidio di Guardia Medica nei Comuni di Campo di Giove, Gioia dei Marzi e Pizzoli della provincia dell’Aquila _ prosegue il consigliere regionale D’Amico _  Zuccatelli e Silveri, riconoscendo la specifica criticità che si determinerebbe nei tre comprensori montani, ove fossero cessati i presidii di Guardia Medica, hanno sospeso le procedure ad ulteriori valutazioni ed accertamenti che consentano di derogare alla norma nazionale di riferimento. Pertanto, in attesa di tali approfondimenti i tre Presidi restano attivi nell’espletamento del servizio”. D’Amico si  batte con forza e tenacia a tutela delle aree del Centro Abruzzo che rischiano di essere messe KO dai tagli immotivati al servizio, indispensabile in località turistico montane sin troppo isolate che stentano a riprendersi dalla crisi e sempre più abbattute dai tagli della spending review.

I presidi avrebbero dovuto chiudere il primo Marzo in ossequio alla decisione del Commissario Gianni Chiodi che, sulla falsariga del Piano di Rientro per un Abruzzo virtuso a conti, ma Commissariato a fatti non garantisce i livelli essenziali di assistenza e aveva rimodulato le circoscrizioni del servizio di Continuità assistenziale portando le Guerdie mediche, nell’aquilano, da 25 a 21. Eliminando così la Guardia mediche di Barisciano (comprendente i Comuni di Calascio, Caporciano, Carapelle Calvisio, Castel del Monte, Castel Vecchio Calvisio, Poggio Picenze, San Pio delle Camere e Santo Stefano di Sessanio), e provando a far fuori anche quelle di Pizzoli (comprendente i comuni di Barete e Cagnano Aterno), Gioia de’ Marsi (comprendente Lecce dei Marsi, Ortucchio e Bisegna) e Campo di Giove (comprendente Cansano). Si è deciso di ridimensionare il servizio di Continuità assistita delle sedi di L’Aquila, con riduzione da 12 a 8 medici, e da8 a 4 per la Guardia medica di Avezzano. Due medici per turno a l’Aquila con una dotazione complessiva di 8 medici. Per Avezzano, Balsorano, Carsoli, Castel di Sangro, Castel vecchio Subequo, Celano, Civitella Roveto, Pescasseroli, Pescocostanzo, Pescina, Pratola Peligna, Scanno, Sulmona, Trasacco e Tagliacozzo ciascuna Guardia medica ha ora una dotazione di 4 medici in totale, un medico per turno.

mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti

Aumentano gli interventi del 118 non sempre Codici rossi 04.03.2015

Una risposta a "Ecco la lettera che conferma la chiusura delle Guardie Mediche"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.