No Eletrodotto,6 deputati 5 Stelle col movimento difendono il territorio

Eletrodotto 6 Report-age.com 2014Chieti. E’ stato grande il Movimento 5 Stelle che ieri ha fornito il supporto fondamentale e indispensabile per bloccare l’occupazione d’urgenza della Terna sui terreni in cui impone di costruire l’eletrodotto Villanova – Gissi contro la volontà delle popolazioni attraversate dalla minacciosa e singolarmente prioritaria opera ad alta tensione. Siamo alla seconda giornata di difesa del territorio in provincia di Chieti con ambientalisti, gruppi e associazioni che si organizzano pacificamente per impedire le occupazioni eseguite dagli operai della Terna Rete Italia spa che prova così a mettere piede su decine di terreni per un elettrodotto che attraverserà l’Abruzzo intero esponendo ad enormi rischi 16 comuni.

Eletrodotto 4 Report-age.com 2014“Via, dovete andare fuori, oggi Terna lavora nell’ilegalità” la tensione, quella bassa, si taglia col filo nel presidio  e i deputati pentastellati sono in trincea con un folto gruppo di militanti giunti in aiuto del Comitato No elettrodotto e degli agricoltori, la loro presenza è stata decisiva per impedire che i mezzi della società ieri giungessero nelle aree da occupare, non si sa ancora la ragione dell’urgenza per tirar su dei tralicci.

Eletrodotto 7 Report-age.com 2014In prima linea gli onorevoli Carlo Sibilia, Andrea Colletti, Michele Dell’ OrcoManlio di Stefano, ma soprattutto Daniele Del Grosso tra i consiglieri regionali del M5S non mancava Sara Marcozzi. Che sorpresa per gli operai della Terna scoprire che stavano occupando d’urgenza proprio il terreno di un parlamentare, Daniele Del Grosso che si è opposto all’esproprio e durante la manifestazione ha più volte invitato i lavoratori della società ad andarsene perché erano illegittimamente entrati sulla sua proprietà. Il M5S ha chiesto la sospensione dei lavori come è accaduto ad Atessa (Ch). Immaginate cosa sarebbe potuto accadere se ad opporsi agli operai ci fosse stato un semplice cittadino quando persino i parlamentari del Movimento 5 Stelle hanno fatto davvero fatica ad essere ascoltati. L’azione della multinazionale non si ferma, la società è intenzionata, a tutti i costi, ad innalzare le torri di metallo.

Eletrodotto 2 Report-age.com 2014

Parliamo di cavi ad altissima tensione che penzoleranno sulla testa delle popolazioni, sono tante quelle attraversate dal mostro elettrico e nessuno lo vuole, in provincia di Chieti, dove com’è nelle abitudini degli ambientalisti il No all’impianto è seguito sempre da una valida proposta alternativa. Quella dei teatini è semplice e più salutare: interrare i cavi. La Terna però non è d’accordo, secondo i tecnici della multinazionale sarebbe ancor più pericoloso coprire i cavi sotto 2 metri di terra, è semplicemente più costoso. Non è dello stesso parere la società tedesca Sued Kambel che già nel 2011 dichiarava che “gli elettrodotti sotterranei sono meno impattanti, più affidabili e richiedono minori costi di manutenzione”. Unico neo? Impossibile provvedere al rimboschimento dell’area interessata dall’interramento perché gran parte delle radici degli alberi vanno in profondità.

mariatrozzi77@gmail.com

Il filmato della giornata di ieri sulla pagina Facebook dell'onorevole Manlio Di Stefano - M5S

Eletrodotto 1 Report-age.com 2014“In questi giorni la Terna Rete Italia spa sta espropriando decine di terreni agricoli per costruire un elettrodotto che attraverserà tutto l’Abruzzo devastando aziende e imprese agricole e, soprattutto, esponendo ad enormi rischi la salute dei cittadini di ben 16 comuni. Numerosi studi scientifici di ricerca internazionali stabiliscono che gli effetti da esposizione ai campi elettromagnetici nel lungo termine sono devastanti: tumori maligni, leucemie infantili, malattie del sangue e cardiopatie ischemiche.
Tutto questo ovviamente col benestare del Governo che, per favorire queste opere folli, le ha incluse come prioritarie nel tristemente noto decreto #SfasciaItalia appena approvato a suon di fiducia.
Il Movimento 5 Stelle non ci sta! Dopo una feroce battaglia nelle aule parlamentari, oggi i deputati sono passati alla disobbedienza civile impedendo fisicamente, agli operatori della Terna, di sequestrare uno dei campi destinati ai tralicci. L’ironia della sorte ha voluto che quel campo appartenesse al deputato Daniele Del Grosso che, informato e determinato, ha rifiutato la ridicola offerta economica per l’esproprio e ne ha fatto una battaglia civica. Cosa accade quando al posto di un cittadini informato c’è un povero contadino ignaro? l M5S è lì anche per questo: “Oggi, grazie all’aiuto di comitati e cittadini, siamo riusciti a cacciare gli occupanti, ma non finisce qui, proteggeremo tutti i campi destinati a questa scellerata opera”.

Deputato Manlio Di Stefano – M5S


I dettagli nella pagina del Comitato locale
https://www.facebook.com/groups/1393134724299489/?fref=ts

Aggiornamenti

Nuovi elettrodotti e Terna: Del Grosso ne parla alla Camera 22.04.2015

Neon illuminati, senza spina, sotto i vecchi cavi di Cepagatti 10.12.2014

Eletrodotti.Con determina Sorgi piantabili anche nei Parchi e su aree protette 19.11.2014

Elettrodotti. Forum Acqua: pianificazione affidata ad intervento monocratico 13.11 2014

Archivio

Eletrodotto Villanova-Gissi: “La Terna non passa” il comitato blocca occupazione dei terreni 11.11.2014

5 risposte a "No Eletrodotto,6 deputati 5 Stelle col movimento difendono il territorio"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.