Equitalia. Rossi riparte con la protesta e mette in scena altre iniziative

Ofena (Aq). Sta per mettere in atto una nuova iniziativa di protesta pacifica contro Equitalia l’allevatore di Ofena che ha intrapreso una dura battaglia verso i metodi di incasso adottati dall’agenzia che opera per conto dello Stato in materia di riscossione tributi. A Dino Rossi sono stati bloccati, da tempo, i conti correnti bancari e con il pignoramento avrebbe ricevuto cartelle esattoriali in cui gli importi dovuti allo Stato non corrisponderebbero, sovraccaricando inoltre il debito delle spese delle 3 diverse procedure che sarebbero attivate per ottenere il pagamento della somma. 

Referente abruzzese del movimento dei forconi
Dino Rossi

E’ incerto, a quanto sembra, il debito dell’imprenditore agricolo e nessuno riuscirebbe, almeno per il momento, a definire l’importo esatto che lo Stato avanzerebbe dall’allevatore a titolo di tributi non versati. In aggiunta al fatto che senza conto corrente l’imprenditore agricolo è in difficoltà nel portare avanti l’attività della sua azienda e mantenere la famiglia. A pochi giorni dalla prima udienza, sul ricorso presentato dal cittadino assistito dall’avvocato tributarista Davide Tagliente del foro di Pescara, il titolare dell’azienda agricola, nonché portavoce del Cospa Abruzzo, annuncia che il 6 novembre alle ore 10 circa, porterà davanti ad Equitalia, uno strumento rudimentale, probabilmente un pallottoliere o una calcolatrice giganti e funzionali: “Che l’ente di riscossione può utilizzare per fare i conti. L’attrezzo è in fase di costruzione, dalle dimensioni risulta essere un po’ ingombrante, quindi per il trasposto da Ofena a L’Aquila forse occorre l’utilizzo del trattore con apposito rimorchio. Come  al solito la manifestazione verrà svolta in maniera pacifica, tutto questo per dare modo alla stampa e alle istituzioni di  capire quanto sia distruttivo il metodo messo in atto da questo ente di riscossione nei confronti di chi a malapena riesce a mantenere la propria attività. La cosa più grave è che  a tutt’oggi, nonostante le  istanze presentate al Prefetto dell’Aquila e ad Equitalia, non si conosce l’importo da rateizzare, ne quali sono gli interessi che verranno applicati, ne quale è l’importo complessivo del debito.  La mia azienda agricola ha ancora il conto bloccato, anzi addirittura la banca ha revocato anche l’utilizzo del blocchetto degli assegni, in quanto Equitalia si è impadronita di quei pochi soldi che erano disponibili sul conto per pagare gli assegni fatti in precedenza. Per colpa di questo ente di riscossione che agisce senza fare i dovuti accertamenti di verifica sulla solvibilità del debitore al fine di non creare danni ulteriori, le aziende rischiano di chiudere i battenti, a questo va aggiunta la tempistica lumacosa del Tribunale dell’Aquila per il ricorso presentato dall’avvocato Davide Tagliente per il pignoramento verso terzi, discusso il 27 ottobre, si è ancora in attesa di conoscere la sentenza, nel contempo l’azienda per l’acquisto delle farine e per le varie spese sta violando la Legge anti riciclaggio. La macchina della giustizia è molto lenta a volte anche miope, al contrario dell’agenzia delle entrate e di Equitalia, le quali pur avendo personale non qualificate, secondo quanto ribadito nella sentenza del consiglio di stato n° 2979 del 2011, sfornano cartelle esattoriali illegittime alle quali fanno seguito atti di pignoramenti e ipoteche legali altrettante illegittime”.

mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti

Giovedì davanti Equitalia con uno strumento rudimentale per i calcoli 04.11.2014

Archivio

Rossi vs Equitalia: i conti non tornano   27.10.2014

L’imprenditore agricolo Rossi presenta ricorso contro il pignoramento di Equitalia 26.07.2014

3 risposte a "Equitalia. Rossi riparte con la protesta e mette in scena altre iniziative"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.