Una coalizione per prevenire il rischio idrogeologico

Pescara allagata Foto Trozzi novembre 2013
Pescara

Mondi diversi che si parlano e si conoscono per una efficace politica di mitigazione del rischio frane e alluvioni e così in Italia si mettono assieme Legambiente e Coldiretti con l’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) e i Consigli nazionali di geologi, architetti, dottori agronomi e forestali, ingegneri e geometri. Ancora, troviamo l’Ance (Associazione nazionale costruttori edili) fianco a fianco con il Wwf, l’Inu (Istituto nazionale di urbanistica), il Touring club italiano, Slow food Italia, Cirf, Aipin (Associazione italiana per la ingegneria naturalistica), Sigea (associazione culturale per la promozione del ruolo delle scienze della terra nella protezione della salute e nella sicurezza), ma anche il Tavolo nazionale dei contratti di fiume Ag21 Italy, Federparchi, Gruppo183, Arcicaccia, Alta Scuola, FAI, Italia, Nostra, Cts, Società italiana dei territorialisti, Lipu, Cai, Aiab, Federazione nazionale Pro Natura e la Rete dei comitati per la difesa del territorio. Una coalizione inclusiva, davvero singolare, che forse alcuni non vedono di buon occhio, ma che se funziona potrebbe davvero portare al cambiamento cancellando il nome della Penisola dal libro nero delle emergenze. 

Ortona Live .. La quarta Venezia
Ortona (Ch)

É una sfida che fa tremare le gambe con logiche contrarie a quelle considerate negli ultimi 30 anni, dalla teoria alla pratica si punta al cuore del sistema ammesso con un unico soggetto fatto di tante realtà, davvero diverse, che formano questa neo coalizione che ha l’ambizione di allargare il fronte oltre i confini del pensiero ambientalista adempiendo al dovere che ogni movimento ha di non chiudersi a riccio, ma di provare a far cambiare rotta a chi sbaglia. Tentare non nuoce e questa iniziativa mette insieme associazioni e organizzazioni agli antipodi che provano finalmente a procedere unite per non ripetere gli errori del passato. Nel comunicato la coalizione comincia a tessere il progetto di unità: <Genova e la Liguria ancora una volta hanno subito i devastanti effetti dell’ennesima tragedia causata dal rischio idrogeologico. Piogge intense che si sono riversate su un territorio fragile hanno causato l’esondazione di corsi d’acqua, frane, allagamenti e purtroppo ancora una volta vittime. Episodi che si verificano continuamente nel corso di tutto l’anno sull’intero territorio nazionale che non possono essere più tollerati e richiedono una risposta immediata ed efficace, senza continuare ad affrontare la questione sempre e soltanto dopo dichiarazioni di stato di emergenza. Per questo le principali associazioni ambientaliste e di categoria, i Consigli nazionali degli ordini professionali e le associazioni imprenditoriali di settore, i Sindaci e il mondo dei tecnici e della ricerca che avevano già intrapreso, dal 2013, un percorso comune per rispondere in maniera efficace alle ripetute emergenze, hanno deciso di costituire la Coalizione per la prevenzione del rischio idrogeologico. Un organismo straordinario che vede la partecipazione di tanti soggetti competenti in materia di acque e difesa del suolo, con ruoli e compiti diversi ma con l’obiettivo comune di condividere l’urgenza e l’importanza di azioni efficaci per la prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico nel nostro Paese. “L’obiettivo principale della Coalizione è quello di riportare tra le priorità politiche del nostro Paese  una strategia generale di governo del territorio e delle acque e un’efficace politica di adattamento ai cambiamenti climatici per la mitigazione del rischio da frane e alluvioni, facendo rientrare le misure e gli interventi da mettere in atto nella logica multidisciplinare e sistemica della pianificazione di bacino, coerentemente con quanto previsto dalle direttive europee (acque (2000/60/CE), alluvioni (2007/60/CE) e habitat), definendo altresì gli strumenti inequivocabili per la loro puntuale e conforme attuazione.”

Pescara, spiaggia 2014
Pescara, spiaggia 2014

Anche gli ultimi provvedimenti normativi però sembrano andare in direzione contraria, rispetto all’attuazione di una politica ordinaria di difesa del suolo in grado di coniugare tutela dell’ambiente e riduzione del rischio idrogeologico. Il cosiddetto Decreto sblocca Italia si orienta diversamente da quanto è auspicabile, esautorando le comunità locali e altri soggetti da una partecipazione attiva rispetto ad opere che riguardano il proprio territorio o quello da esse amministrato.

“Chiediamo quindi quanto prima un incontro con il Governo, in particolare con il ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare Gianluca Galletti e il responsabile dell’unità di missione Italia Sicura Erasmo D’Angelis per presentare le proposte contenute nel documento “Prevenzione e mitigazione del rischio, le priorità per il governo del Paese”, elaborate attraverso il confronto e la partecipazione di tutti i soggetti interessati.”

Proposte della coalizione

– definire con maggiore chiarezza il ruolo delle Autorità di Bacino Distrettuali, avviando urgentemente la loro costituzione, dotandole di adeguate risorse umane e finanziarie;

– uscire dalla logica dei Commissari straordinari per garantire il coinvolgimento e la partecipazione dei territori per la costruzione di una concreta politica di mitigazione

– approvare rapidamente la legge sul consumo di suolo e una sua regolamentazione al fine di favorire la cultura della riqualificazione e dei servizi ecosistemici nel rapporto aree urbane e aree rurali.

– contare su risorse adeguate e spendibili in tempi certi con un sistema di regole chiare e trasparenti e un’attenta valutazione sull’efficacia ambientale degli interventi.

La Coalizione si farà promotrice di diverse iniziative nazionali e sui territori maggiormente coinvolti, con l’intento di avviare percorsi virtuosi e soprattutto efficaci di prevenzione e mitigazione del rischio, dedicati al tempo stesso alla formazione e informazione ai cittadini.

mariatrozzi77@gmail.com

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.