Autofinanziamento di Salviamo L’Orso per acquistare recinti elettrificati

Abruzzo. “Parte oggi la campagna di autofinanziamento dell’associazione Salviamo l’orso per acquistare almeno una decina di recinti elettrificati e creare un fondo che indennizzi per gli eventuali danni provocati dagli orsi fuori dalle aree protette” così l’associazione Salviamo l’orso chiedendo un contributo di almeno 3 euro intende “impedire nuove uccisioni” del plantigrade.

Per lanciare l’iniziativa scrivono i volontari dell’associazione che lavorano per salvare l’orso bruno marsicano dall’estinzione:

"Almeno 3 Euro... per impedire nuove uccisioni!
Cari amici e soci di Salviamo L’Orso iniziamo oggi una campagna di autofinanziamento per acquistare almeno una decina di recinti 
elettrificati e creare un fondo che indennizzi gli eventuali danni provocati dagli orsi fuori dalle aree protette. Come voi sapete negli ultimi 12-18 mesi si sono moltiplicati gli avvistamenti ed i segni di presenza dei nostri orsi nelle aree che fanno da cerniera tra il PNALM ed il Parco Nazionale della Majella (PNM) Una di queste aree e’ tra le altre ,quella della Riserva del Monte Genzana (Pettorano sul Gizio) che ha registrato la presenza certa di almeno 3, esemplari di orso tra cui quello proditoriamente ucciso la settimana scorsa dal proprietario di un pollaio a cui il plantigrade aveva preso l’abitudine di far visita.
Nell’Alto Sangro al confine con il Molise vi e’ un’altra situazione che stiamo monitorando da tempo e che vede almeno altri 2 orsi , se non di piu’, frequentare le aree dei comuni di Rivisondoli, Pizzoferrato, Gamberale, Rosello, Pescopennataro, S.Pietro Avellana , Montenerodomo, Ateleta e Capracotta, provocando talvolta dei danni.
Ebbene l’unico modo che abbiamo per favorire questo “trend” che indica un salutare tentativo della popolazione di orso di espandere il suo areale in direzione di un’area protetta con grandi spazi selvaggi qual’e’ Il Parco nazionale della Majella è quello di ridurre al minimo uno dei tanti rischi che gli animali corrono muovendosi in territori che non sono protetti e dove le attività rurali non hanno più esperienze di convivenza con un predatore come l’orso. In questi territori gli enti locali non rimborsano i danni provocati dalla fauna sia per l’assenza di apposita legislazione sia per cronica mancanza di fondi.
Lo scorso anno, nella medesima area ed in collaborazione con un Consorzio di Comuni molisani ( MAB –Riserva della Biosfera)e con il CFS , l’Associazione ha gia’ finanziato la progressiva chiusura e regolamentazione di un gran numero di strade forestali che attraversano aree integre ed importanti per garantire maggiore tranquillita’ all’orso . Nel solco di quello che l’Associazione ha fatto e fa dal giorno della sua costituzione crediamo che tante piccole azioni virtuose possano in un tempo ragionevole e meglio di tante parole inutilmente spese, produrre un impatto positivo sulla conservazione di questo magnifico animale per cui abbiamo deciso di affrontare anche il problema della sua convivenza pacifica con le attivita’ rurali . A tal fine stiamo firmando un Protocollo di intesa con i Comuni interessati, il CFS ed il PNM che regolera’ le modalita’ di indennizzo danni e facilitera’ l’assegnazione dei mezzi di prevenzione (i recinti) . E’ importante sottolineare che, come sempre ed a garanzia che i nostri soldi vengano spesi utilmente , Salviamo l’Orso si affidera’ a dei professionisti e a dei tecnici per valutare caso per caso l’erogazione dei fondi , ed a questo compito saranno delegati i tecnici del PNM ed i veterinari dell’azienda sanitaria molisana.
Cos’altro possiamo dire ? Beh , siamo felici di dimostrare ancora una volta che dalle parole passiamo ai fatti, che se c’e’ chi ha voglia di contribuire a cambiare la situazione oggi ha la possibilita’ di farlo, che se avete cliccato sulla nostra pagina “MI PIACE” oggi avete la possibilita’ di dimostrare concretamente che “VI PIACE ” cio’ che facciamo ! Abbiamo fatto un semplicissimo calcolo ....se solo la meta’ dei nostri 5000 amici sottoscrivessero appena 3 Euro ciascuno ( ma ci auguriamo che qualcuno possa fare anche di piu’....) Salviamo l’Orso sarebbe in grado di comprare subito 10 recinti ed in piu’ avrebbe a disposizione 2500 Euro per indennizzare chi ha perso i suoi animali da cortile o qualche pecora a causa dell’orso.....ci sembra un prezzo modesto da pagare per impedire una ripetizione dei tragici fatti di Pettorano!
La sottoscrizione quindi si apre da oggi , per donare potete utilizzare tutte le info che troverete sul nostro sito ed ogni Lunedi vi aggiorneremo sul denaro raccolto e sul suo utilizzo.Grazie !
                                       Salviamolorso

 

Censimento dei pollai per l’orso e reti elettrificate per fargli cambiare idea 27.09.2014

ANCORA RAID NEI POLLAI A PETTORANO: CUCCIOLO D’ORSO AFFAMATO FA FUORI 2 GALLINE 18.09.2014

VITTIMA DELLA GUERRA DEI TARTUFI? PER L’ORSO MORTO NON SI ESCLUDE LA MALATTIA 14.09.2014

DAL PNALM ALLA MAJELLA LA STRADA DELL’ORSO ATTRAVERSO LA RISERVA GENZANA 03.09.2014

INCHIESTA ORSO BRUNO MARSICANO 27.04.2014

2 risposte a "Autofinanziamento di Salviamo L’Orso per acquistare recinti elettrificati"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.