Orso morto a Pettorano: trovato un proiettile nell’intestino

Pettorano sul Gizio (Aq). L’orso è stato ucciso a fucilate la notte precedente al ritrovamento perché nell’intestino del plantigrado hanno recuperato un pallettone. L’animale, trovato agonizzante il 12 settembre2014, è morto appena dopo su un sentiero che costeggia l’alto fiume Gizio.

Aggiornamento 1 e 2

Orso morto a Pettorano sul Gizio Report-age.com 2014Sono i risultati della necroscopia eseguita, nell’Istituto del Centro di referenza nazionale per la medicina forense veterinaria di Grosseto. Al plantigrade, trovato senza vita ai margini di una pista ciclabile di Vallelarga, una delle tante frazioni di Pettorano sul Gizio, verrà dato presto un nome Biagio, perché quella in cui spira è contrada San Biagio. Ad assistere alla morte un ciclista e a documentarla, col un telefonino cellulare, un romeno che si trovava nei paraggi, chiamato dal ciclista. All’Istituto zooprofilattico di Grosseto, in Toscana, ipotizzerebbero che l’infezione del proiettile nell’intestino dell’animale sia la ragione che ha portato al decesso del plantigrado, scrivono anche sul quotidiano Il Messaggero questa mattina: probabilmente peritonite. La forestale conferma che almeno 5 proiettili sono stati recuperati negli organi interni dell’orso, forse ammazzato mentre era di spalle al suo, o ai suoi, aguzzini. Dalla necroscopia dell’istituto toscano risulterebbe che per l’orso morto nei pressi della cabina Enel lungo il margine del fiume Gizio, per l’esattezza nell’intestino del plantigrado, è stato ritrovato un proiettile di fucile che, molto probabilmente, ha causato una peritonite e conseguente infezione che lo ha portato alla morte”.

All’orso hanno sparato, ma quando e dove non è dato ancora sapere e le indagini del Corpo forestale dello Stato vanno avanti, non è nemmeno certo che quel proiettile sia la vera causa della morte del plantigrade. Insomma, c’era da aspettarselo, saranno altri istituti del centro a fare chiarezza sulla vicenda del mammifero abruzzese deceduto il 12 settembre nella fascia esterna del Pnalm perché non è confermato che il proiettile nell’intestino sia la causa della morte del plantigrade. Il colpo di fucile sarebbe stato sparato a circa 30 metri di distanza dall’animale e potrebbe non essere stato fatale. E’ anche da considerare che il veterinario ufficiale del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Luca Brugnola, l’unico ad aver svolto la ricognizione cadaverica sull’animale, non aveva riscontrato segni evidenti di lacerazioni o colpi d’arma da fuoco sulla povera bestia. 

Dal sito del Corpo forestale dello Stato. Dall'attività tecnica-investigativa coordinata dal Comandante Provinciale di L'Aquila del Corpo forestale dello Stato, Nevio Savini, per risalire alle cause della morte del plantigrado, si è esclusa la presenza di ferite da arma da fuoco o altri traumi violenti sul corpo dell'orso, in quanto non ci sono segni visibili di lesioni.Orso morto 12.09.2014 È quanto emerso dalle prime indagini tecniche-scientifiche condotte dal veterinario ufficiale del Corpo forestale dello Stato, Luca Brugnola, che ieri è stato il solo ad aver   esaminato il cadavere dell'esemplare, effettuando i prelievi di rito. 

Non vogliamo arrampicarci sugli specchi, ma è inutile sottolineare che sia davvero singolare ipotizzare che il sangue delle ferite sul corpo della povera bestia sia stato lavato dalla pioggia che sarebbe caduta, per alcuni giorni, almeno in Valle Peligna e in Alto Sangro.

Sul quotidiano La Stampa in riferimento all'orso morto il 12 settembre nell'aquilano, scrivevano: 
"L’animale era stato avvistato ieri sera all’imbrunire, nella stessa zona che costeggia la statale 17 da altre persone che lo hanno anche fotografato. In un primo momento si pensava fosse l’ orsa Peppina, invece si tratta di uno dei due maschi che frequentano stabilmente la zona della Riserva naturale del Monte Genzana. Probabilmente lo stesso che l’altra sera ha avuto un incontro ravvicinato con un residente di Valle Larga rimasto ferito alla testa e a una gamba mentre cercava di fuggire. L’abitazione dell’uomo si trova a poche centinaia di metri dal luogo del ritrovamento".

mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti

Orsi confidenti. Dalla Parte dell’Orso chiede responsabilità al Parco al di là dei confini 28.03.2015

Biagio è il nome dato all’orso fucilato. Festa del Letargo in memoria 11.10.2014

Orso fucilato. Il presidente  Pnalm Carrara: “Assicurare alla giustizia il responsabile” 18.09.2014

Ancora raid nei pollai di Pettorano: Cucciolo d’orso affamato fa fuori 2 galline 18.09.2014

6 pensieri riguardo “Orso morto a Pettorano: trovato un proiettile nell’intestino

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.