Pettorano:ancora un orso fa strage di galline dopo la morte di un altro esemplare nell’aquilano

http://www.valledeilaghi.it/
Foto Valledeilaghi

Pettorano sul Gizio (Aq). Niente più uova fresche per un’altra famiglia di Pettorano sul Gizio, battaglia terminata 5 a 0 per l’Orso bruno marsicano e l’unica gallina superstite ha subito cambiato residenza nella speranza di salvare le penne, ironizza il giovane A. S. parlando del pollaio dello zio, inconsapevole del fatto che la presenza di un altro orso nei paraggi, dopo la recente scomparsa  di un esemplare della specie, avvenuta 3 giorni addietro, è davvero indicativa.

Corpo forestale dello Stato Foto Trozzi Report-age.com 31.8.2014
Foto Trozzi 

Ancora un orso a Pettorano sul Gizio la località in cui, 5 giorni fa, è morto un esemplare adulto di orso bruno marsicano. L’ipotesi è che sia stato avvelenato, ma la recente apparizione di un altro esemplare mette a fuoco una diversa causa del decesso e supporta la tesi di chi crede che la fine del plantigrade, rinvenuto il 12 settembre a Vallelarga /frazione di Pettorano), non sia dovuta all’avvelenamento, ma ad una malattia che il mammifero potrebbe aver contratto altrove, nulla di certo per il momento. Maratoneta infaticabile come l’orso è difficile trovarne in Abruzzo e il mammifero, si sa, macina decine e decine di miglia arrivando a percorrerne almeno 80 chilometri al giorno prima di riposare. Orso morto a Pettorano sul Gizio Report-age.com 2014La fascia esterna del Parco è a uno scoppio e se i risultati del Centro di referenza nazionale per la medicina forense veterinaria tardano ad arrivare, fidandoci dell’intuito e del sistema d’investigazione vecchio stampo gli elementi, sino ad ora raccolti sul campo, ci dicono che tuttora un altro della specie è in piena attività, stesso luogo, ancora su quelle montagne e allora, se di veleno si tratta, è difficile pensare che il bocconcino fosse a Pettorano sul Gizio oltretutto non sono evidenti segni di intossicazioni, dalle immagini.

Con tutto il rispetto per la dipartita delle galline, suggeriamo una regolare denuncia all’allevatore danneggiato in questo recentissimo raid perché se davvero quelli nel pollaio sono i danni di un orso occorre tenere presente che fa parte del patrimonio indisponibile dello Stato che ne ha la piena responsabilità patrimoniale ed è quindi chiamato a risarcire in toto i danni che la fauna selvatica cagiona all’uomo, senza alcuna limitazione di responsabilità civile.

Orso morto a Pettorano sul Gizio Report-age.com 2014
Immagine Ondatv

Dalla località montana, a pochi passi dalla frazione Vallelarga, dove l’altro esemplare si è spento, giunge la segnalazione dell’orso all’opera in un pollaio attorno alle 23 del 15 settembre, è un fatto importante perché prova che un orso integro circola ancora nei paraggi di Pettorano sul Gizio, il sopravvissuto gode di ottima salute, vivo e vegeto quando ha puntato un altro pollaio della località montana, nella riserva regionale Genzana – Alto Gizio, come aveva fatto, probabilmente il suo compagno, l’10 settembre, ma un ciclista di passaggio, due giorni dopo, lo ritrova agonizzante e un immigrato romeno residente in paese, lo accompagna e riprende con il telefonino gli ultimi istanti di vita del plantigrade e così racconta il video: “L’orso mi ha guardato, ha prova a sollevare il capo, ma non ce l’ha fatta” così steso sul ciglio di una stradina di campagna muore a pochi metri da una cabina dell’Enel. La carcassa dell’animale viene esaminata in queste ore dall’Istituto zooprofilattico di Grosseto (Toscana).

Orsa Peppina Riserva naturale
Peppina fototrappolata il26 agosto 2014

Potrebbe trattarsi dell’orsa Peppina? A suggerire di evitare accostamenti con altri esemplari è il Presidente del Parco nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise, Antonio Carrara, anche perché sarebbero diversi gli orsi avvistati nei paraggi, tutti del Pnalm, nessun orsa pare si sia mai riprodotta nella Riserva regionale del Genzana o nella fascia esterna del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Se fosse proprio Peppina potremmo credere al fatto che è davvero fortunata e che ha più vite di quelle tradizionalmente riconosciute ai gatti perché nonostante i presunti bocconcini avvelenati e dopotutto quello che ha passato è ancora qui. L’orsa è stata investita a giugno sulla strada statale 17 ed è fuggita nel bosco facendo perdere le sue tracce per 3 mesi, proprio quando tutti avevano perso le speranze di ritrovarla è rispuntata, fototrappolata, il 26 agosto nella Riserva Naturale. E adesso dov’è?

Aggiornamenti

Biagio è il nome dell’orso fucilato. Festa del Letargo in memoria 11.10.2014

Orso ucciso a Pettorano, Wwf si costituisce parte civile 10.10.2014

Morte orso. Cospa: “Non è colpa di chi ha sparato, ma di chi doveva tutelarlo” 20.09.2014

Orso fucilato. Il presidente  Pnalm Carrara: “Assicurare alla giustizia il responsabile” 18.09.2014

Forestale: orso ucciso da fucilata. Lav: bloccate apertura caccia domenica 18.09.2014

Pettorano: ancora un orso fa strage di galline dopo la morte di un altro esemplare nell’aquilano 17.09.2014

Orso morto a Pettorano 12.09.2014 

Archivio

Ancora raid nei pollai di Pettorano: Cucciolo d'orso affamato fa fuori 2 galline 18.09.2014

Orso morto a Pettorano: trovato un proiettile nell’intestino  18.09.2014

VITTIMA DELLA GUERRA DEI TARTUFI? PER L’ORSO MORTO NON SI ESCLUDE LA MALATTIA 12.09.2014

ORSO MORTO A PETTORANO SUL GIZIO, FORSE AVVELENATO 12.09.2014 

DA PESCOCOSTANZO A CANSANO, AVVISTATI GLI ORSI RARI DEL PARCO MAJELLA E DELLA RISERVA 27.08.2014

6 risposte a "Pettorano:ancora un orso fa strage di galline dopo la morte di un altro esemplare nell’aquilano"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.