Trivelle in vista a Francavilla, Pescara e Lido Riccio

Progetto Elsa Report-age.com 9.9.2014
Progetto Elsa Report-age.com 9.9.2014

Costa Adriatica abruzzese. Venti di guerra e solo 20 giorni di tempo per le osservazioni e il Forum abruzzese dei movimenti per l’Acqua invita persone e gruppi di buona volontà che condividono l’impegno ecologista a presentarne sul progetto Elsa 2, sarebbe stato il caso di ribattezzarlo progetto Lazzaro. Il progetto interessa una parte del territorio di Pescara, Francavilla al Mare, ma soprattutto Ortona, da questo Comune dovrebbero interessarsi in particolar modo a presentare le osservazioni.

Vedi documenti

Progetto Elsa Report-age.com 9.9.2014
Progetto Elsa, osservazioni entro il 28.09.2014

Progetto Lazzaro, scrivevamo, perché quel progetto era morto e sepolto, 3 anni fa, ma qualcuno l’ha resuscitato grazie al decreto Passera e le ulteriori modifiche al codice ambientale. Sotto procedura di Valutazione da impatto ambientale (Via), per il progetto Elsa il Forum Acqua chiede cosa stiano facendo di tanto importante gli enti territoriali per non intervenire su un’opera che magari risulterà anche strategica, ma solo perché avvicinerà alla riva, precisamente 7 chilometri dalla spiaggia, la piattaforma petrolifera mobile. Quali delicatissime operazioni distolgono dal caso i comuni di Pescara, di Francavilla e soprattutto di Ortona? La Regione Abruzzo prenderà posizione?

Fonte foto http://www.giornalettismo.com/
Piattaforma in crisi. Foto Giornalettismo

Uno dei principali tratti costieri abruzzesi sarà presto vista trivelle, a quanto scrive il Forum abruzzese perché la Petroceltic Italia si è risvegliata in quel della costa abruzzese riattivando la procedura di Valutazione d’impatto Ambientale nazionale presso il ministero dell’Ambiente. Gli ambientalisti fanno sapere che il progetto prevede l’arrivo di una piattaforma di tipo Jack Up che stazionerà a 7 km dalla costa, incredibile a meno di 4 miglia marine, di fronte a Lido Riccio per trivellare un pozzo profondo 4 mila e 700 metri.

Documentazione

Dal Forum informano che “La Petroceltic ha un permesso di ricerca in mare di 12.600 ettari situato proprio di fronte a Francavilla al Mare e Ortona, area che praticamente arriva sulle spiagge delle due località, come emerge chiaramente dalla mappa ufficiale allegata.

Progetto Elsa Report-age.com 9.9.2014Il progetto fu fermato nel 2011 con un decreto ministeriale di Valutazione di Impatto ambientale negativa, sia per le carenze dei documenti presentati, a suo tempo, dall’azienda sia per il decreto Prestigiacomo che imponeva il divieto di sviluppare interventi di trivellazione entro le 12 miglia marine. Appare incredibile, anche da un punto di vista procedurale che un progetto che ha già ricevuto una valutazione negativa, con rigetto il 16 maggio 2011, possa improvvisamente rivivere ed essere ripresentato. Nella bocciatura al progetto si evidenziava che l’area del permesso di ricerca, sulla base del decreto Prestigiacomo a tutela delle aree protette, risultava interferire in maniera integrale con il Sic IT7140106 Fosso delle Farfalle (sublitorale chietino) e l’altro Sito di interesse comunitario IT7140107 Lecceta litoranea di Torino di Sangro e Foce del Fiume Sangro nonché con le aree protette Riserva naturale di interesse provinciale Pineta dannunziana e la Lecceta di Torino di Sangro” precisa l’organizzazione ambientalista.

In ogni caso il 28 settembre scadranno i termini per le osservazioni che, ricordano gli ambientalisti, possono essere presentate da qualsiasi cittadino, associazione, ente o istituzione. Il Forum acqua presenterà le proprie osservazioni contrarie al progetto che, scrive l’organizzazione,  pone a fortissimo rischio la costa abruzzese e il suo turismo e, in particolare, mette a rischio uno dei tratti incantevoli del litorale abruzzese: Lido Riccio. In caso di incidente, fatto non raro anche al momento delle trivellazioni a scopi esplorativi, le conseguenze per gli abruzzesi, l’ambiente e la nostra economia potrebbero essere devastanti. “Chiediamo a cittadini ed enti di mobilitarsi per opporsi ad un progetto assolutamente inaccettabile che potrebbe divenire uno dei principali tasselli della trasformazione dell’Abruzzo in distretto minerario come previsto dalla Strategia Energetica Nazionale e dal cosiddetto decreto “Sblocca Italia – Abruzzo Fossile” conclude il movimento ecologista.

mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti

Bloccare le Trivelle nelle 12 miglia, di costa,con un Referendum: Abruzzo occorre far presto 06.07.2015

Forum acqua: riesaminate i progetti del Comitato Via presieduto da Sorgi  01.10.2014

I segreti di Elsa:  pericoloso progetto che svelano gli ambientalisti 01.10.2014

Progetto Elsa. Le trivelle di Lazzaro e i 3 capodogli morti 10.09.2014

Altro ufo petrolifero a Francavilla al Mare che sfiora la costa 24.07.2014

5 risposte a "Trivelle in vista a Francavilla, Pescara e Lido Riccio"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.