A tutela dei cinghiali “celiaci” il convegno sul grano Solina a Capestrano

Foto Dino Rossi
Foto Rossi

Capestrano (Aq). Non sono mancati oncologi di grido e agricoltori d’occasione all’incontro tenuto a Capestrano, giorni fa, nel quale si è disquisito delle caratteristiche del grano solina, antica varietà dal chicco tenero, povero di glutine, di cui sono ghiotti i cinghiali. L’iniziativa messa in campo è parsa davvero un’azione a tutela della celiachia del cinghiali abruzzesi per il Cospa Abruzzo, l’associazione di allevatori che da anni denuncia i gravissimi danni provocati dalle sempre più frequenti invasioni del porcus selvaticus. Puntualmente colpito dalla piaga della Sus scrofa è il territorio della provincia dell’Aquila.

mais tuccella
Un ettaro di grano appena maturo devastato dai cinghiali, il 14 agosto 2014, ad Ofena nella fascia esterna del Parco Gran Sasso e monti della Laga.

Sì, proprio loro, i cinghiali, quei mammiferi che di giorno riposano nelle verdi praterie del Parco Gran Sasso monti della Laga e di notte divorano i campi limitrofi: “Un evento che si ripete da anni, ora più accentuato, poiché il parco Gran Sasso Monti della Laga ha autorizzato ad innalzare recinzioni che hanno spinto i cinghiali a valle più affamati di prima _ scrive il Presidente del Cospa Dino Rossi _ Nulla da dire per i professori laureati in medicina che sono intervenuti al convegno, chiamati a esporre sulle proprietà benefiche di questo miracoloso grano tenero, convinti di tutelare la salute pubblica, ma in realtà a beneficiarne sono gli animali selvatici”.

Foto Dino Rossi
Cinghiale (poco sorpreso) fotografato all’alba del 15 agosto 2014 sui campi coltivati di Ofena, nella fascia esterna del Parco Gran Sasso

Con una punta di ironia Rossi sottolinea che dell’incontro: “Sono rimasti sorpresi anche i cinghiali, tanto da fermarsi e rimanere seduti ad ascoltare i luminari del momento, ma soprattutto a sapere come sono spesi i soldi del Gal (Gruppo di Azione Locale  ndt) che si dovrebbero destinare agli agricoltori. Non potete immaginare le risate dei cinghiali quando hanno capito, grazie al convegno, di come gli uomini tutelano il loro succulento nutrimento _ prosegue Rossi _ Ci facciamo prendere in giro anche dagli animali! Davvero strano, si punta alla sponsorizzazione di un prodotto che gli animali divorano distruggendo indisturbati i nostri terreni, frenati solo da qualche bracconiere di turno o qualche agricoltore incazzato. Politici in pompa magna, si atteggiano con i soldi nostri e fanno finta di darci una mano. La cosa non riguarda solo i nostri polittici locali camuffati da imprenditori agricoli, per non parlare di quelli a livello nazionale, anche loro tengono particolarmente alla salute del cinghiale, perché si oppongono, a spada tratta, alle sementi transgeniche, senza fare nulla per la tutela dei nostri raccolti. Una politica ignorante che mangia e si diverte con i soldi pubblici a scapito di chi non ce la fa a portare avanti l’azienda per i danni cagionati da questi animali. Parlano anche di tutela dei prodotti tipici, ma lo sanno che dietro ogni prodotto tipico c’è una azienda agricola sofferente? E mentre la politica clientelare organizza convegni inutili, gli agricoltori delle zone limitrofe ai parchi sono ormai disperati e non sanno più cosa seminare nei loro campi per evitare gli sgraditi e dannosi visitatori. Le colture in atto sono divorate dai cinghiali, appena il frutto è pronto per essere mangiato, molto prima della raccolta”. Conclude il presidente del Cospa Abruzzo: “La cosa strana è che la gente ancora pensa che questa politica ci possa tirare fuori dal pantano. Un pantano creato da questa politica inetta. Là  dove non arriva il cinghiale è la politica ignorante ad arrivare”.

Archivio:

EMERGENZA CINGHIALI. OFENA CHIAMA I SINDACI DEL PARCO PER L’ABBATTIMENTO SELETTIVO
PROVINCIA DI L’AQUILA A LEZIONE DI CINGHIALI 16.06.2014
CINGHIALI. COSPA: “NO ALLE TRAPPOLE DEL PARCO GRAN SASSO”

4 risposte a "A tutela dei cinghiali “celiaci” il convegno sul grano Solina a Capestrano"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.