Circolano banconote da 20 € false ecco il numero di serie per riconoscerle

banconota-da-30-euroSulmona (Aq). Non è la solita burla della carta da 30 euro. Da un po’ di tempo anche a Sulmona (Aq) circolano banconote false e il taglio utilizzato è soprattutto quello da 20 euro. Banconote false di piccolo taglio sono state rintracciate ovunque nell’entroterra abruzzese. Le dimensioni del foglio di carta sono leggermente ridotte rispetto alla comune banconota da 20 €.

banconote-euro-contraffatte-false-300x225La firma del falsario sui biglietti da venti sembra essere quella tipicamente campana, forse proprio napoletana. Comprensibile la rabbia di vedersene rifilare anche solo una, con i tempi che corrono non c’è da stare allegri. Dunque, un po’ di attenzione non guasta, anche perché la valle Peligna non è immune dai reati di contraffazione e falsificazione di banconote. Qualche suggerimento in questo caso particolare, per distinguere i falsi dalle comuni banconote da 20 euro, è possibile anche perché abbiamo recuperato il numero di serie della matrice dalla quale sono state riprodotte le copie, di buona fattura, ma un tantino più piccole della normale banconota da 20 euro.

20eurobLa serie perdente. La sequenza di lettera e numeri che bisognerebbe controllare per i pagamenti, alla consegna del resto o anche solo per un cambio di moneta è T 55501929854. Il numero di serie è visibile sul retro di ogni banconota. Le 20 euro taroccate sarebbero state spese anche in valle Peligna, ne sono stati rintracciati alcuni esemplari a Sulmona, altre copie da 20 euro sono ancora in circolazione, hanno tratto in inganno anche qualche commerciante. mariatrozzi77@gmail.com

Per riconoscere, in generale, le banconote false vi rimandiamo alla consultazione delle seguenti pagine:

Pagina del sito della Polizia di Stato  

Pagina del sito dell’Arma dei Carabinieri

Chi emette moneta in Italia? La Banca d’Italia, la sede principale è fissata a Roma in via Nazionale 91, emette le banconote in euro in base alle regole fissate nell’Eurosistema, è la banca centrale della Repubblica italiana ed è parte del Sistema europeo di banche centrali (Sebc). Nell’Eurosistema, la Banca d’Italia produce la quantità di banconote in euro assegnata all’Italia, le mette in circolazione e provvede alla sostituzione dei biglietti deteriorati, partecipa all’attività di sperimentazione di nuove caratteristiche di sicurezza dei biglietti, contribuisce alla determinazione dei quantitativi monetari da produrre e alla definizione di indirizzi comuni per la circolazione e l’azione di contrasto della contraffazione. L’istituto di diritto pubblico esercita poteri di controllo sui gestori del contante e, nei casi di inosservanza delle disposizioni che ne disciplinano l’attività, può adottare provvedimenti sanzionatori e di divieto. In Italia le monete in euro sono coniate dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per conto del Ministero dell’ Economia e delle Finanze che, in qualità di ente emittente, provvede alla loro distribuzione sul territorio nazionale avvalendosi delle Filiali della Banca d’Italia che sono in tutto 58 distribuite nei Capoluoghi di regione e in alcuni Capoluoghi di provincia. Fonte

Art. 47 della Costituzione. La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.