Skip to content

Sulmona. L’ ex caserma Battisti ceduta a titolo gratuito al Comune

Sulmona (Aq). Apparterrà al Comune di Sulmona l’ex caserma Cesare Battisti. Tra le possibili iniziative, da concentrare, nei locali appartenuti all’Esercito italiano, ora ceduti all’amministrazione comunale, non manca l’idea di allestire all’interno un centro di accoglienza profughi, non viene trascurata la proposta di un Polo multifunzionale della Protezione civile o di dare ospitalità anche agli uffici della Azienda sanitaria locale, nell’auspicio che la Asl ricambi un giorno la grande disponibilità che l’amministrazione garantisce sempre. Per combattere il consumo di suolo il sito potrebbe svolgere una funzione importante.

Aggiornamento

A comunicare il passaggio, all’amministrazione, della struttura militare, è stato il primo cittadino di Sulmona, Giuseppe Ranalli : “Il demanio ci ha comunicato che il comune di Sulmona potrà entrare presto in possesso dell’ex Caserma di viale Mazzini. Il comune avrà la disponibilità della struttura tra non più di 8 mesi, il tempo necessario per definire il tutto. É un ottimo risultato questo, il comune avrà la disponibilità materiale dell’immobile e si potranno così concretizzare alcune idee da realizzare negli spazi dell’ex caserma per dare un impulsoi di ripresa alle attività e per soddisfare le esigenze della comunità sulmonese”. C’è spazio per le aule dell’ l’Università costretta fino a poco tempo fa in locali angusti, premesso che i corsi di laurea in scienze infermieristiche sembrano in bilico. Conclude il primo cittadino: “É uno spazio importante da mettere a disposizione della comunità tutta. Anche in questo modo, valuteremo la soluzione migliore per rilanciare l’economia della città”.

L’immobile sarà ceduto al comune a titolo gratuito, solo gli eventuali lavori di sistemazione della struttura saranno a carico dell’amministrazione sulmonese.

Dal primo aprile 2013 è ufficialmente chiusa l’attività nella caserma Cesare Battisti di Sulmona. I militari sono stati trasferiti a L’Aquila mentre le lavoratrici della mensa perderanno il lavoro. La decisione è frutto della politica di ridimensionamento dell’apparato governativo che ha portato alla chiusura di tutte le caserme con meno di mille e 500 militari sembra con un effetto negativo, sull’economia cittadina, di circa un milione di euro l’anno.

Ai tempi del governo Prodi, l’ex ministro della Difesa Arturo Parisi, con un decreto, stabilì che tutte le caserme con un organico inferiore a  1500 unità, avrebbero dovuto chiudere.

Dal 2008 il Governo Berlusconi ha trattenuto, per ben 4 anni, la presenza dei militari a Sulmona, già le strutture militari di Chieti, Pescara e il 33° di stanza a L’Aquila, nel frattempo hanno chiuso o avviato le pratiche per la dismissione. Con l’avvento del Governo Monti la rigorosa Spending review completa l’opera portando a cessazione molte caserme abruzzesi tra cui quella di Sulmona.

L’8 febbraio 2012 per fronteggiare i disagi determinati dalla tremenda ondata di mal tempo che seppellì Sulmona sotto metri di neve e di ghiaccio e per sostenere l’azione del Comune, ben 60 militari del 2/o Fod (Forza Operative di Difesa) di San Giorgio a Cremano (Napoli) collaborarono con la Protezione Civile di Sulmona e vennero ospitati proprio nella caserma Cesare Battisti.

Aggiornamenti

Torna l’idea del Centro di prima accoglienza per profughi a Sulmona, almeno 300 posti 31.02.2015

Caserma Battisti: grande progetto dell’amministrazione da presentare a breve 24.02.2015

3 Comments »

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: