Morto d’infarto uno dei boss carcerieri del piccolo Di Matteo

Foto Maria Trozzi

Sulmona(Aq). Giovanni Pollari 65enne è deceduto per infarto fulminante ieri nel carcere di Sulmona.

Il detenuto siciliano era stato capo mandamento della famiglia di Agrigento, legata al boss sanguinario Giovanni Brusca, figura di spicco di una delle pagine più crudeli di Cosa Nostra. L’uomo, condannato all’ergastolo dalla Corte d’Assise di Palermo, è stato tra i carcerieri del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio 11enne di Santino Mezzanasca, uno dei pentiti della strage di Capaci del 23.05.1992.

Il 65enne stava scontando a Sulmona la pena del carcere a vita rinchiuso a via Lamaccio anche per una serie di altre condanne per omicidio.  Nel primo pomeriggio di ieri, dopo aver fatto attività fisica, attorno alle 15.30, si è accasciato improvvisamente al suolo. L’agente che era in servizio in sezione ha subito chiamato il medico di turno del penitenziario che ha provveduto a praticare il massaggio cardiaco, nulla da fare. Trasportato in infermeria, defibrillatore e soccorsi non sono stati sufficienti a rianimarlo. Immediato l’intervento del personale del 118, ma è stato tutto inutile. L’uomo deceduto non ha mai manifestato problemi di cuore, aveva semplicemente qualche acciacco legato all’età. Con oltre 200 ergastolani, l’Amministrazione penitenziaria dovrebbe cominciare a pensare di dotare l’istituto di detenzione Peligno di una camera mortuaria perché, se è vero che si tratta di un carcere ad alta sicurezza, è possibile allora che una parte dei detenuti sconti condanne piuttosto lunghe e dentro quelle mura probabilmente trascorrerà gli  ultimi giorni di vita.

Nell’attentato mafioso di Capaci, una tremenda esplosione allo svincolo dell’ autostrada A29, a poca distanza da Palermo, persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e 3 agenti della scorta, Vito SchifaniRocco DicilloAntonio Montinaro.

Giuseppe Di Matteo, fu sequestrato il 23 novembre del 1993 da un commando di mafiosi e dopo due anni di prigionia il piccolo venne strangolato e sciolto nell’acido.

Una risposta a "Morto d’infarto uno dei boss carcerieri del piccolo Di Matteo"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.