Pacentro. Di nuovo chiusa per rischio frane la sr 487. Dossier viabilità

Pacentro (Aq). Un tempo era strada di competenza regionale la 487, era stata anche di competenza statale e oggi è, in parte, di competenza provinciale che da Pacentro, per Passo San Leonardo, conduce a  Caramanico Terme(Pe). La via di comunicazione è stata chiusa al traffico qualche chilometro dopo l’abitato di Pacentro (Aq). 

Aggiornamento

Sempre per la stessa ragione, pericolo frane, si può raggiungere Passo San Leonardo utilizzando solo la strada provinciale 54 da Campo di Giove (Aq). Problemi di viabilità sulla strada regionale 487 ce ne sono stati da prima del 2009. Solo in quell’anno però di decise un intervento incisivo perché diverse frane, in quel nefasto periodo, flagellarono l’arteria stradale. Il 24 Febbraio uno smottamento portò all’interruzione della Strada regionale 487 e l’amministrazione provinciale intervenne con un Provvedimento di Somma Urgenza, stanziando circa 100 mila euro, 2 giorni dopo l’evento calamitoso la ditta era a  lavoro per ripristinare la viabilità.

Ancora il 25 ottobre, stesso anno, un’altra frana sulla testa di Pacentro aveva costretto alla chiusura improvvisa della via di comunicazione. Sotto le incessanti piogge, una costola della montagna aveva ceduto finendo per occupare gran parte della carreggiata sottostante, mettendo a rischio la tenuta del manto stradale appesantito dalle rocce cadute. In quello stesso autunno, con una variazione al bilancio di 50 mila euro, la Provincia dell’Aquila avviò i lavori per la messa in sicurezza del tratto, a dicembre la strada fu riaperta, ma a senso unico alternato per garantire i collegamenti con le località turistiche di Passo San Leonardo e di Sant’Eufemia a Maiella. Era però stato previsto qualcosa di più incisivo per superare il dissesto idrogeologico delle strade provinciali, per l’esattezza un intervento di 50 milioni di euro che la Provincia dell’Aquila aveva inserito nel Piano triennale 2010-2012 sulla viabilità e mobilità per la manutenzione straordinaria ed ordinaria delle strade di sua competenza (qui) . Inoltre, per i lavori di messa in sicurezza dei punti più sensibili agli smottamenti l’allora assessore provinciale alla viabilità e trasporti Pio Alleva aveva lanciato un appello alla Regione Abruzzo affinché si prendesse carico di quelle situazioni di dissesto idrogeologico o della manutenzione delle pendici che nulla hanno a che fare con le strade di nostra competenza. Già il 26 Novembre 2009 si attendeva l’erogazione, dalla Regione Abruzzo, della somma di un milione e 700 mila euro quale annualità destinata alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade che sono passate di competenza della Provincia. Insomma un cospicuo finanziamento che avrebbe rimodellato anche la strada di montagna che si arrampica sul fianco Sud-Est del monte Morrone.

Non si sa per quale ragione, ma s’intuisce il perché di come vanno certe cose, gli interventi decisi sul tratto di strada che supera Pacentro sono stati rimandati per lungo tempo e avviati solo lo scorso autunno. Davvero singolare la vicenda se si pensa che Pacentro è rappresentato, in Consiglio provinciale, da un consigliere di nome Fernando Caparso che, in veste di sindaco di Pacentro nel 2009, non perdeva occasione per polemizzare sull’isolamento e la scarsa manutenzione della strada proprio contro l’assessore provinciale di allora,  Pio Alleva che però rispondeva a tono. Il gioco delle parti cessava difronte alla cassa vuota, a fine Ottobre 2013, che avrebbe indotto la Provincia a dirottare altrove parte dei finanziamenti previsti per la sr 487. Senza nulla togliere a quest’altra buona causa, i soldi a disposizione sarebbero serviti per i lavori stradali di messa in sicurezza di un’altra via di comunicazione, la strada regionale 479 Sannite, interventi da eseguire con urgenza appena dopo Anversa degli Abruzzi e verso Vilallago – Scanno, in provincia dell’Aquila.

Risultato? Rocciatori e lavori all’ingresso delle gole del Sagittario, deserto del Sahara al di sopra di Pacentro. Il problema è sempre lo stesso:  la strada che da Pacentro porta a Passo san Leonardo è aperta ad intermittenza da dimenticare, probabilmente dopo il 25 maggio, anche per l’ex sindaco Caparso?  Come dichiarava l’allora assessore della Provincia di L’Aquila, Pio Alleva: “La percorribilità delle strade è di fondamentale importanza per salvaguardare la sicurezza e lo sviluppo economico dei territori che vivono di turismo come nel caso del territorio montano di Pacentro”. La strada ora è chiusa in un periodo nero per Pacentro,  località turistico-montana in default amministrativo, conclamato, dalle origini non troppo antiche! La Provincia resta aperta e ancora in tanti si sforzano di capire qual è la ragione dell’insistenza di un ente territoriale cui è stato affidato un compito, prima di competenza regionale, senza strumenti per farlo. Paradossalmente s’insiste con chi non sembra interessarsi, più di tanto, a questo caratteristico angolino dell’incerto pianeta Provincia!

mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti

Pennapiedimonte: la strada è chiusa. In 500 bloccati per i rapaci che nidificano 22.05.2015

Torna l’acqua a Pacentro. Chiusa la Morronese. In un video le immagini delle 3 frane 09.03.2015

Protesta 487 strada ancora chiusa. I Pacentrani: “Ridateci la montagna” 26.07.2015

Approfondimenti

Morronese. Oggi manifestazione per far riaprire la strada 487 verso Passo san Leonardo 26.07.2014

8 risposte a "Pacentro. Di nuovo chiusa per rischio frane la sr 487. Dossier viabilità"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.